/ Hockey

Hockey | 16 gennaio 2021, 21:00

FOTO. I Mastini dominano ma non segnano mai, il Bressanone li infilza con l'"aiutino". Due gare in casa per il sogno-Coppa

Gol falliti o parati incredibilmente, due decisioni arbitrali clamorose nel terzo periodo quando bastava un solo gol per riprendere il Bressanone, l'assenza di Marcello Borghi: tutto ciò produce un ingiusto 0-3 in Alto Adige. Benvenuto a Sebastian Allevato, figlio del portierone Marco che debuttò in giallonero come vice di Jim Corsi nell'88

FOTO. I Mastini dominano ma non segnano mai, il Bressanone li infilza con l'"aiutino". Due gare in casa per il sogno-Coppa

Il Varese preme, tira, gioca in superiorità numerica più degli avversari ma non segna mai, quasi nemmeno a porta vuota, oppure trova salvataggi miracolosi che bloccano il disco anche quando è destinato ad entrare. Il Bressanone è il contrario: cinico, quadrato, ruvido, e così segna un golletto a fine secondo periodo che poi raddoppia nel terzo (sotto la cronaca del match), prima dell'inutile 3-0 finale a porta vuota

Ma non c'è tempo di rimpiangere nulla, neppure l'urlo dei gol rimasti strozzati in gola, soprattutto quelli di Cordin, Michael Mazzacane e Raimondi, oppure l'assenza pesantissima di Marcello Borghi, a casa per una fitta al ginocchio e fermo da mercoledì, o ancora alcune decisioni arbitrali sfacciatamente penalizzanti per i gialloneri (colpi a Vanetti e De Biasio clamorosamente non sanzionati nei momenti decisivi del terzo tempo, sullo 0-1): ci sono due partite casalinghe consecutive per prendersi il sogno della semifinale di Coppa Italia e per mandare il disco in gabbia, oltre a compiere un passo in più rispetto a quello di riuscire a mettere l'uomo giusto tante volte là davanti, a un passo da quel gol che stasera non è mai arrivato. Da quel power play mai sfruttato.

Nel secondo periodo l'unica differenza, che però pesa come un macigno sul risultato perché indirizza il match, era già stato il power play: nell'equilibrio totale contava sfruttare la superiorità numerica, e gli altoatesini ci riuscivano meglio dei Mastini sbloccando 40 minuti di equilibrio, ma con più occasioni e gioco ospiti, con la zampata di Arnost a 18 secondi dal secondo intervallo, che sapeva di beffa. Perché gli uomini di coach Devèze avevano spesso chiuso all'angolo gli avversari. Era già mancata solo la zampata vincente, che dall'altra parte invece è arrivata come una sentenza.

Il pensiero corre sempre là, all'assenza di Marcello Borghi per una botta al ginocchio subita nell'allenamento di mercoledì (forza "bomber") già scontata nel primo periodo in cui al Varese, non a caso, era mancato solo il gol: i gialloneri avevano chiuso spesso il Bressanone nell'angolo, senza concretizzare. 

Benvenuto, infine, a Sebastian Allevato, figlio del portierone Marco che a sua volta è un figlio dell'hockey con un pezzettino di anima giallonera visto che giocò con la Kronenbourg di un certo Jim Corsi, debuttando la stagione successiva al primo scudetto dell'87: Sebastian ha 22 anni, è svizzero ed è cresciuto nel Chiasso. Ma con quel cognome merita già i Mastini.

Bressanone – Mastini Varese    3-0  (0-0, 1-0, 2-0)
Reti: 39’42” (B) Arnost PP1, 57’15” (B) Arnost (Di Schiavi, Bona) PP1, 59’14” (B) Arnost (Calovi, Casanova Stusa)

BRESSANONE: 30 Kosta (49 Rederlechner), 8 Tauber, 11 Baumgartner, 12 Chizzali, 13 Bona, 18 Kelder, 21 Casanova Stua, 81 De Colle, 91 Reisinger, 10 Zecchetto, 19 Anronst, 25 Di Schiavi, 61 Sottsas, 70 Pircher, 77, Calovi, 78 Messner, 98 Kostner. Coach: Jan Prochazka
MASTINI VARESE: 65 Tura (29 Bertin), 3 Schina, 8 A. Bertin, 11 Papalillo, 22 E. Mazzacane, 31 Allevato, 44 De Biasio, 90 Ilic, 9 Drolet, 13 Gasparini, 15 R. Ambrosoli, 16 Vanetti, 18 Cordin, 19 Vola, 32 P. Borghi, 54 Gherardi, 55 Piroso, 66 Gay, 91 Raimondi, 99 Salvai. Coach: Claude Devèze 
Arbitri: Marco Bagozza, Patrick Theo Gruber (Mirco Fabrizio Da Pian, Fabrizio De Toni)
Note - Tiri Bres 20, Var 21. Penalità Bres 10', Var 8'.

Recupero decima giornata - Unterland-Merano 0-4, Bressanone-Varese 3-0, Appiano-Alleghe 4-2, Valdifiemme-Pergine 3-4.

Giovedì 21, ore 20.30, recupero quinta giornata: Varese-Pergine a Casate.

Sabato 23, recupero undicesima giornata. Ore 18.40: Pergine-Appiano. 19.30: Merano-Valdifiemme, Varese-Caldaro. 20.30: Alleghe-Bressanone.

Classifica
Merano (10) e Caldaro (11 giocate) 21 punti
Bressanone (11) 20 punti
Unterland (11) 17 punti
Valdifiemme (11) 16 punti
Varese (10) 14 punti
Alleghe (10) e Pergine (11) 12 punti
Appiano (11) 11 punti

La classifica del girone di ritorno (le prime 4 accederanno alle final four di coppa Italia)
Unterland (6 gare giocate) e Merano (5) 12 punti
Varese (5) 11 punti
Caldaro (5) 10 punti
_________
Bressanone (6) 9 punti
Alleghe (5) 7 punti
Valdifiemme (5) 5 punti
Appiano (5) e Pergine (4) 3 punti

Il calendario dei Mastini

X sab 16/01/2021 18:30 HC Falcons Brixen Bressanone HC Varese 1977

V gio 21/01/2021 20:30 HC Varese 1977 Hockey Pergine Sapiens

XI sab 23/01/2021 18:00 HC Varese 1977 SV Kaltern Caldaro rothoblaas

XII sab 30/01/2021 17:30 Hockey Unterland Cavaliers HC Varese 1977

XIII sab 06/02/2021 19:30 HC Merano Pircher HC Varese 1977

VII gio 18/02/2021 20:30 HC Varese 1977 Valdifiemme HC

IX sab 20/02/2021 18:00 HC Varese 1977 Alleghe Hockey

La cronaca del match nel comunicato dei Mastini 

Alcune decisioni arbitrali dubbie su situazioni decisive, diverse occasioni gettate al vento e un paio di infortunati, ma soprattutto zero punti e un 3 a 0 che sicuramente non descrive l’andamento della gara.

Mastini a Bressanone senza M. Borghi ma con un Sebastian Allevato ini più da schierare in difesa (il cognome a Varese suggerisce qualcosa del passato, riportando in mente il padre Marco che già aveva vestino i medesimi colori). Il nuovo tesserato giallonero risulta essere il secondo straniero in squadra.

Il primo tempo appare avvincente e ricco di intensità: merito di entrambe le compagini che giocano un hockey veloce e propositivo. I Mastini costringono gli avversari a concludere dalla distanza e Tura ha vita abbastanza facile. La fase offensiva giallonera vive forse di maggiore continuità: Drolet, Raimondi e Cordin inventano, ma Piroso, M. Mazzacane e Vanetti mancano di un soffio la deviazione vincente. Un tentativo del numero 9 canadese è ottimamente parato da Kosta, il quale viene poi graziato da una deviazione volante di Raimondi poco prima della prima sirena.

Il secondo periodo è caratterizzato da un gioco più duro e a farne le spese sono prima Raimondi e poi Ilic. Il serbo finisce direttamente negli spogliatoi per infortunio mentre l’attaccante dopo qualche minuto prova a rientrare stoicamente sul ghiaccio nonostante abbia subito una bruttissima carica alla schiena. Gli ultimi minuti del drittel vedono la formazione varesina andare vicinissima alla rete in almeno tre occasioni. Cordin si divora il vantaggio spedendo alto da pochi passi a porta sguarnita, poi De Biasio e Schina si fanno parare il colpo da Kosta. Gol sbagliato e gol subito, come spesso accade nello sport. Il powerplay a pochi istanti dal secondo intervallo è sfruttato dai falchi, abili a insaccare a fil di sirena con un diagonale di Arnost, che dopo una respinta si ritrova fortunosamente il disco sulla stecca.

Terzo drittel intenso con i gialloneri che dominano il gioco per lunghi tratti, senza però capitalizzare le occasioni avute. La fortuna non è stata certo amica stasera: M. Mazzacane si vede cancellare il pareggio da un intervento sulla linea di un avversario, Cordin non trova il gol da pochi passi e così anche Drolet, Piroso, Raimondi e Xamin, che infrangono i loro tentativi su Kosta. Sfortunati i Mastini anche sul raddoppio del Brixen, maturato in powerplay dopo che non è stata sanzionata una carica subita da De Biasio in fase di attacco: da lì si è sviluppato il seguito. Ma nemmeno poi, quando un duro colpo rifilato a Vanetti sotto gli occhi dell’arbitro non viene sanzionato. Il tris arriva a porta vuota allo scadere. Il Bressanone ha avuto il merito di sfruttare il powerplay, cosa che il Varese non ha saputo capitalizzare.

Andrea Confalonieri


Vuoi rimanere informato sui Mastini Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo MASTINI VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP MASTINI VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore