/ Politica

Politica | 12 gennaio 2021, 10:18

Luino, continua la polemica sul centro tamponi rapidi: alla minoranza risponde il sindaco

Battaglia a suon di comunicati tra il capogruppo Alessandro Casali (#luinesi) e la maggioranza, con la replica del primo cittadino: «Altri Comuni hanno intrapreso iniziative come queste senza che le opposizioni abbiano sollevato dubbi sulla volontà di svolgere un servizio utile»

Enrico Bianchi in una foto tratta da Luinonotizie

Enrico Bianchi in una foto tratta da Luinonotizie

Non si placa a Luino la polemica politica tra il capogruppo di minoranza Alessandro Casali (#luinesi) e la maggioranza sul centro tamponi rapidi aperto in città per volontà del Comune in collaborazione con la Croce Rossa; una battaglia a suon di comunicati stampa tra l'ex vicesindaco cui ha replicato prima il consigliere Paolo Portentoso e oggi il direttamente il sindaco Enrico Bianchi, chiamato in causa proprio da Casali, che lo ha definito «un candidato alla prossima puntata di "Chi l'ha visto?».

«Sono numerose le questioni irrisolte - ha scritto Casali nella sua nota - la richiesta di utilizzo di simboli comunali e pagine ufficiali mai autorizzate, le asfaltature di Roggiolo, di via Montegrino e via Santa Rita che ho lasciato già finanziate ma non ancora eseguite, i lavori già finanziati di via Asmara iniziati ed abbandonati a settembre, la gravissima situazione emergeziale della Rsa Comi e dell’ospedale cittadino. Quanto al centro hot spot non posso non osservare come il fatto che un Comune si ponga come soggetto economico per effettuare tamponi antigeni a scopo di screening statistico con le modalità che sono emerse, appaia una vicenda molto delicata dal punto di vista amministrativo; con quali modalità è stata o sarà effettuata la selezione del soggetto che eseguirà il servizio, posto che ne si conosce già il nome, quali sono i criteri adottati per la scelta e l’assegnazione del soggetto privato, quali le regole di trasparenza seguite, quali le modalità di fatturazione delle prestazioni, con quale criterio e le modalità con cui è stato fissato il prezzo delle prestazioni, chi sosterrà la spesa per la predisposizione dell’Hot-Spot? Non si può, inoltre, non rilevare che la scelta di escludere la farmacia comunale per una ipotetica “carenza di spazi” (quando da sempre vengono utilizzati degli hotspot tenda in tutte le zone per i tamponi e la P.zza Aldo Moro si presta benissimo a tale iniziativa), non solo appare frustrante delle professionalità del nostro personale farmaceutico, ma priva la farmacia e, dunque, anche il bilancio del Comune, di risorse economiche che invece andranno al soggetto privato contraente. Infine, vorrei che si riflettesse su un’ultima considerazione, perché davvero non si comprende quale possa essere il senso nell’aprire un hotspot per tamponi antigeni a pagamento da parte del comune, mentre è già presente a poca distanza un punto tamponi molecolare validato, ufficiale e gratuito di grande valore al quale afferiscono già tutti gli operatori sanitari della zona». 

A Casali è arrivata la replica, attraverso una nota, del sindaco Enrico Bianchi.

«L’iniziativa è di CRI di Luino e valli - dichiara il primo cittadino - il Comune di Luino fornisce supporto logistico nel senso che date le basse temperature invernali per agevolare l’attività degli operatori mette a disposizione il piccolo edificio ristrutturato in passato, su iniziativa G.A.L. (Gruppo Azione Locale), previsto come spazio per la promozione di prodotti locali e utilizzato successivamente come ufficio turistico. Dato che l'esperienza del G.A.L. è terminata anche tutto ciò che era collegato alla progettazione di tale organismo ha avuto fine. L'edificio in questione rimane così chiuso ed in attesa di un suo possibile utilizzo. L’edificio è provvisto di riscaldamento, corrente elettrica, servizi, collegamento internet, telefono. Le utenze per le due ore giornaliere due volte la settimana massimo tre saranno a carico del comune di Luino. La CRI di Luino e valli è associazione senza scopo di lucro che ha come sua missione l’assistenza alle persone in difficoltà sia in tempo di pace che di guerra. A partire dall’inizio di questo periodo pandemico la CRI ha svolto un compito di assistenza alla popolazione luinese molto prezioso: nell’assistenza, nel recapito di alimenti e di medicinali, trasporto malati in situazioni critiche, sanificazione ambienti, educazione sanitaria nelle scuole, supporto ai servizi sociali in particolare alle persone sole ed anziane. Non ultime le attività di assistenza durante la campagna vaccinale antinfluenzale e l’esecuzione di tamponi rapidi presso la fondazione Mons. Comi. La situazione pandemica è tutt’altro che conclusa. Le vaccinazioni in corso ci consentono di guardare al futuro con un po’ di ottimismo ma il rischio di aumento dei casi positivi è ancora molto alto. Questa è la principale ragione che ha portato alla decisione dell’Amministrazione di supportare questa iniziativa che ha lo scopo di individuare positivi asintomatici che rappresentano il maggior rischio di espansione dei contagi dato che tali trasmettitori di Virus risultano ovviamente inconsapevoli. I kit diagnostici vengono acquistati da CRI così pure il personale qualificato è di competenza CRI. Il contributo richiesto è volontario e serve per coprire parzialmente le spese. Possiamo garantire che lo scopo dell’iniziativa non è quello economico ma un servizio alla popolazione seppur limitato ma che ha un suo valore importante. Si effettuano test a persone che ritengono di aver contattato durante la giornata un numero elevato di persone per esempio durante la loro attività lavorativa, si sensibilizza la popolazione all'educazione sanitaria e all’attenzione che occorre porre in tutte le nostre attività ed ai rischi di contagio. Le prenotazioni al test vengono effettuate telefonando o collegandosi al sito CRI di Luino.  La farmacia Comunale è stata contattata da una società che avrebbe svolto lo stesso servizio ma non gratuitamente e non all’interno della farmacia essendo questi spazi piuttosto ristretti ed il personale non abilitato a svolgere tale indagine. Avvalersi di questa società avrebbe significato un ulteriore impegno logistico ed amministrativo per la struttura ed eventualmente il posizionamento di un gazebo esterno. Soluzione che vista la stagione invernale ha fatto optare per altre soluzioni. Altre farmacie nella zona hanno aderito al servizio avvalendosi della collaborazione delle amministrazioni comunali. Le iniziative di questo tipo sono state autorizzate da regione Lombardia, da parte nostra è stata inviata comunicazione come previsto e si sono avute le due risposte come già citato in precedenza.  Altri Comuni hanno intrapreso iniziative come questa che si intende svolgere a Luino senza che le opposizioni abbiano sollevato dubbi non solo sulla buona fede e sulla volontà di svolgere un servizio utile alla popolazione, ma sulle possibilità consentite dalle normative regionali. La competenza del dottor Portentoso (biologo con specializzazione in citogenetica, direttore di laboratorio) ed il suo curriculum accademico e professionale sono garanzia di correttezza e competenza. L’Amministrazione di Luino ritiene che in questo momento di difficoltà ogni contributo sia il benvenuto a patto che sia conforme alle normative e scevro da speculazioni. Il sindaco di Luino è ben presente ogni giorno negli uffici e nei luoghi dove è ritenuta necessaria la sua presenza e si ritiene che le comunicazioni debbano seguire i corretti canali istituzionali. La scelta dell’Amministrazione Bianchi è di valorizzare le competenze e le capacità di ognuno (che sono molte), ogni comunicato viene condiviso da tutto il gruppo, sindaco compreso». 

 

M. Fon.


SPECIALE ELEZIONI 2021 - VARESE
Vuoi rimanere informato sulla politica di Varese in vista delle elezioni 2021 e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE POLITICA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE POLITICA sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore