/ Calcio

Calcio | 12 gennaio 2021, 06:00

Taglioretti, buon compleanno al tigrotto record: «Come mi manca lo stadio»

Fagnano Olona, Pippo compie 85 anni e avrà un regalo speciale: sabato la sua Pro Patria su Sky. E confida: «I ragazzi hanno risultati perché sono seri»

Pippo Taglioretti, storico terzino della Pro Patria, compie 85 anni

Pippo Taglioretti, storico terzino della Pro Patria, compie 85 anni

Quando non puoi uscire di casa, quando non puoi andare allo stadio a vedere la tua Pro Patria prima di tutto, ti senti una tigre in gabbia. Ma Pippo Taglioretti, non è uno che si lamenta: martedì 12 gennaio compie 85 anni e un regalo speciale già è annunciato per lui, tigrotto recordman (389 volte in maglia biancoblù).

Perché sabato 16 gennaio potrà vedere la partita contro l’Alessandria (ore 15), su Sky. Non è come immergersi nel suo stadio Speroni a Busto Arsizio, però almeno è una consolazione.«Non ci entro da un anno - sospira lo storico terzino biancoblù - Ci andavo sempre con il mio amico Ottavio Tognola, poi hanno chiuso tutto. Era bello, trovavo Giacomelli, altri amici e quelli che avevano giocato con me da ragazzi». Adesso, divora alla tv il calcio, ma il telecomando vaga da una partita all’altra: non come sabato, quando gli occhi saranno puntati sulla maglia più bella per 90 minuti abbondanti. Certo, è una situazione pesante non poter uscire, girare nella sua Fagnano Olona : «Negli anni Cinquanta c’era stata l’influenza asiatica – ricorda Taglioretti – ma non ci si ammalava così...». La vita non era stata messa sottosopra e blindata come con questo virus, insomma.

Amen, non si può uscire e lui non lo fa: con il senso della disciplina che quel calcio, quei tempi gli hanno lasciato. Addolcisce questo periodo la sua famiglia, che adora. E quel televisore spesso acceso, lo sguardo che può rincorrere il pallone almeno così. Sempre controllando cosa fa la Pro Patria: «Bene, sta andando bene. I risultati ci sono. E quando questo succede, è perché i ragazzi sono bravi, in tutti i sensi. A giocare, e non solo. Perché poi dove si semina zizzania, non è così». Giovani seri, con dei valori, che ricordano la sua Pro. Un tigrotto, poi, lo conosce proprio bene: «Riccardo Colombo, è quasi mio vicino di casa. Bravo? Certo. E anche con suo padre giocavamo. Proprio un bráu fiö. Poi il mister, l’ho visto quando mi hanno accompagnato negli spogliatoi, anche lui una brava persona».

Allora avanti così, ragazzi, anche se a Pippo scappa quel sospiro: «Manca lo stadio».

Lo Speroni tornerà, Pippo, ad accogliere la sua gente e darà un calcio anche a questo maledetto virus.

Intanto buon compleanno da tutto il popolo biancoblù.

Marilena Lualdi


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore