/ Sociale

Sociale | 05 gennaio 2021, 17:37

Il Filo di Emma porta in dote due affidi

Si conclude con l'attivazione di due affidi il progetto della Casa Gialla onlus di Busto. L'assessore Attolini commenta: «Poste le basi per il diffondersi di una cultura dell'educazione come frutto di gratuità affettiva e di attenzione sociale». Prevista una continuità nel 2021

Il Filo di Emma porta in dote due affidi

Con la fine del 2020 si è concluso il progetto “Il filo di Emma”, percorso di avvicinamento al tema dell’affido realizzato da La Casa Gialla onlus, in collaborazione con Progetto Pollicino onlus e Piccolo Principe onlus, e con il patrocinio e il contributo dell’Amministrazione comunale.

«La famiglia intesa come primo luogo naturale dove avviene l’educazione dei figli vive da anni, generalmente parlando, una crisi legata a fenomeni culturali, sociali e spesso anche economici. Anche se fortunatamente la maggioranza delle famiglie vive in condizioni stabili, tuttavia la maggior parte dei problemi legati ai minori nasce spesso da difficoltà vissute nel rapporto tra genitori e figli e tra i genitori stessi - osserva l’assessore all’Inclusione sociale del Comune di Busto Arsizio Osvaldo Attolini -. Ben venga quindi che il tema dell’affido venga portato all’attenzione di tutta la cittadinanza in modo che proprio una parte delle famiglie stabili si faccia carico di assicurare migliori condizioni di vita affettive e relazionali ai minori attualmente affidati a strutture protette. Dobbiamo perciò essere grati a Casa Gialla per aver intrapreso questo percorso che, senza avere la pretesa di risolvere il problema dell’infanzia trascurata, pone comunque le basi per il diffondersi di una cultura dell’educazione come frutto di una gratuità affettiva e di una attenzione sociale».

Dopo la presentazione alla città nel mese di dicembre 2019, all’inizio del 2020 si è svolto il primo ‘filo’ del progetto, una mini rassegna cinematografica condotta da Antonio Autieri di Sentieri del Cinema, che ha visto la proiezione di 4 film legati alle tematiche di adozione e affido a cui hanno partecipato 70 persone.

Nel mese di marzo ha preso il via il percorso formativo vero e proprio: l’emergenza sanitaria ha impedito lo svolgimento in presenza della formazione con i professionisti, per cui si è utilizzata Team, piattaforma su cui si sono contati 46 accessi costanti.

A settembre sono iniziati i colloqui in presenza condotti da assistenti sociali e psicologi con 14 nuclei famigliari e 2 donne single e si sono svolte le visite domiciliari.

Al termine di questo percorso, il primo affido, che ha preso il via a dicembre. A gennaio partirà il secondo. In entrambi i casi, le famiglie formate dal progetto sono state ritenute valide dai Servizi sociali che hanno proposto l’abbinamento con minori a loro carico.

«Il successo nella partecipazione e il bisogno sociale di intercettare persone interessate alla tematica dell’affido ci spingono a programmare una seconda edizione per l’anno 2021» commentano i responsabili di La Casa Gialla.

Per informazioni è sempre attivo l’indirizzo email: info.ilfilodiemma@gmail.com

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore