/ Salute

Salute | 21 novembre 2020, 12:23

FOTO E VIDEO. Drive Through di Solbiate Olona, 800 tamponi al giorno grazie all'aiuto dell'Esercito

Inaugurato il punto tamponi alla caserma Nato di Solbiate Olona con 4 linee grazie alla collaborazione tra Ats Insubria e l'Esercito: le immagini di una postazione che alleggerirà la pressione sugli altri punti della provincia e sarà in funzione dalle 9 alle 14 previa prenotazione

FOTO E VIDEO. Drive Through di Solbiate Olona, 800 tamponi al giorno grazie all'aiuto dell'Esercito

È entrato in funzione oggi il Drive Through alla caserma “Ugo Mara” di Solbiate Olona, sede del Comando di Reazione Rapida della Nato in Italia (NRDC-ITA) per l’effettuazione di tamponi molecolari per la ricerca del virus SARS-CoV-2 a favore della cittadinanza della provincia di Varese.

La struttura, realizzata nell’area parcheggio della base militare, dispone di 4 linee per tamponi molecolari dislocate in 2 tende tensostruttura (12 metri per 12 ciascuna), 4 tende pneumatiche gonfiabili, una tenda per lo stoccaggio dei rifiuti speciali, per uno spazio complessivo di circa 9.000 metri quadri.

Per ogni linea è dedicata una postazione amministrativa per la raccolta dei dati anagrafici e una postazione sanitaria (con medici e infermieri) per l’esecuzione del test.

Il Drive Through è il frutto dell’importante collaborazione in atto tra l'Ats Insubria e le unità dell’Esercito Italiano inquadrate nel Comando di Reazione Rapida della Nato in Italia.

Previa prenotazione presso l'Ats Insubria con sede a Varese, la postazione garantirà l’effettuazione di circa 800 tamponi molecolari dal lunedì al sabato dalle 9 alle 14, permettendo l’alleggerimento degli altri punti di controllo già presenti sul territorio.

L’attività del Drive Through, avviata su iniziativa del Ministro della Difesa Lorenzo Guerini, rientra nell’ambito delle molteplici attività realizzate dall’Esercito e da tutte le Forze Armate italiane a sostegno della popolazione nel corso dell’emergenza COVID-19.

Sin dai primi giorni dell’emergenza è stato alto l’impegno del Comando di Reazione Rapida della Nato a favore della collettività per fronteggiare l’epidemia. Numerosi, infatti, sono stati i concorsi forniti dalle donne e dagli uomini del Comando Nato di Milano, tra cui meritano menzione i trasporti di materiale sanitario dall’aeroporto di Malpensa verso diversi siti dell’Italia settentrionale per soddisfare i bisogni delle strutture ospedaliere e la sanificazione di molte strutture ospedaliere lombarde che ha permesso il ritorno al normale funzionamento dei reparti.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore