/ Territorio

Territorio | 29 ottobre 2020, 10:37

Sesto Calende, dal 9 novembre in sala consiliare parte la vaccinazione antinfluenzale per gli over 65

Il Comune ha messo a disposizione dei medici di base la sala civica e con la collaborazione di volontari e istituzioni si arriverà a vaccinare più di 2 mila persone entro il 27 novembre: intanto in città i casi positivi al Covid sono saliti a 68.

Sesto Calende, dal 9 novembre in sala consiliare parte la vaccinazione antinfluenzale per gli over 65

La sala consiliare del Comune di Sesto Calende, dal 09 novembre sino al 27 novembre 2020, è il luogo individuato per la campagna anti-influenzale 2020 messo a disposizione dall'amministrazione comunale ai medici di base della città.

«Si tratterà ovviamente delle vaccinazioni tradizionali contro le influenze stagionali, in quanto come è purtroppo noto, quella contro il Covid-19 non è ancora disponibile - spiegano dal Comune - Questa campagna straordinaria voluta dal sistema sanitario nazionale e regionale è una forma indiretta di aiuto al controllo della pandemia in quanto sarà possibile meglio isolare i casi di infezione da Covid-19 rispetto ad una "normale" influenza per la categoria di persone più a rischio e cioè le persone con sessantacinque anni e oltre».

Il sindaco Giovanni Buzzi e la sua giunta hanno risposto positivamente e prontamente alla richiesta di aiuto dei medici di famiglia che non avrebbero potuto vaccinare i cittadini over 65 nei tempi e negli spazi dei propri ambulatori. Un’emergenza questa che vede la sinergia operativa di varie figure ed istituzioni: Comune, medici di base e terzo settore. Ad integrare la macchina organizzativa della campagna di vaccinazioni ci sarà infatti la preziosa ed importante collaborazione del Coordinamento delle Associazioni di Volontariato Sestesi che si occuperà della gestione delle prenotazioni telefoniche per tutti i medici di base presenti in città. 

«Il cittadino over 65, o suo delegato, dovrà comporre il numero telefonico creato proprio per questo progetto assegnato al proprio medico di base - prosegue l'amministrazione comunale - Gli interessati dovranno quindi telefonare al numero a cui è associato il proprio medico e non ad altri medici. Risponderanno i volontari che acquisiranno la prenotazione nei giorni e orari stabiliti alfine di non creare assembramento. Il giorno stabilito il cittadino sarà seguito sia dai volontari per l’accesso al palazzo comunale che da personale messo a disposizione dai medici di famiglia per la misurazione della temperatura e compilazione di materiale informativo. La comunicazione avverrà tramite i social e la pubblicazione di locandine in punti sensibili quali farmacie, studi medici, spazi e locandine Comunali, luoghi di culto. Con questa procedura si riuscirà a vaccinare straordinariamente circa 2.000-2.500 cittadini nei tempi corretti. Chiediamo a tutti di rispettare cortesemente e rigorosamente questa procedura e di non occupare le linee telefoniche dedicate con richiesta di informazione riguardanti altre categorie di cittadini che non rientrano nella categoria di persone che hanno già compiuto 65 anni. Per le persone che hanno particolari condizioni certificate e patologie croniche, il servizio sarà garantito attraverso l’ASST Sette Laghi di Largo Cardinal dell’Acqua secondo le modalità che verranno rese note. Si può consultare il seguente sito per maggiori informazioni: https://www.asst-settelaghi.it/web/guest/vaccinazione-antinfluenzale».

«Data la condizione straordinaria determinata dalla pandemia in atto, per tutte le altre categorie di cittadini che non rientrano in quelle sopra citate (over 65,categorie speciale e patologie accertate) occorrerà purtroppo attendere l’eventuale disponibilità dei vaccini, secondo modalità e forme che verranno rese note a seguito dell’esito di questa campagna straordinaria di vaccinazioni». 

In città intanto il numero di casi positivi al Coronavirus è arrivato a quota 68. 

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore