/ Attualità

Attualità | 29 ottobre 2020, 10:26

Attentato a Nizza: confermati tre morti e diversi feriti, in arrivo da Parigi il Presidente Emmanuel Macron (Foto)

L’attentatore sarebbe stato ferito con due proiettili e arrestato dalla Police Municipale

Attentato a Nizza: confermati tre morti e diversi feriti, in arrivo da Parigi il Presidente Emmanuel Macron (Foto)

E’ in arrivo a Nizza Emmanuel Macron: il Presidente della Repubblica è atteso nella tarda mattinata in città dopo l’attentato all’arma bianca perpetuato nella centralissima Avenue Jean Médecin, all’interno della cattedrale di Notre-Dame, che ha provocato almeno tre vittime oltre a numerosi feriti.

L’attentatore sarebbe stato condotto all’ospedale dopo essere stato ferito, nelle fasi concitate del dopo attentato, da due proiettili sparati da agenti della Police Municipale che lo hanno fermato.

Il primo ministro Jean Castex, che stava riferendo all’Assemblea Nazionale sulle misure in vigore da stasera per far fronte alla pandemia, dopo aver osservato un minuto di silenzio, ha lasciato l’assise per recarsi alla riunione della cellula antiterroristica di crisi.

Che si tratti di un attentato terroristico pare certo, anche se la momento non si conosce l’identità dell’attentatore. Fra le vittime una donna che è stata decapitata e il custode della Basilica. La tensione nelle ultime giornate era cresciuta dopo l’assassinio di Samuel Paty e la rivendicazione della laicità e della libertà dello Stato da parte del Presidente della repubblica e dei francesi che hanno dato vita a manifestazioni in tutto il Paese.

Tensione cresciuta in alcuni paesi quali la Turchia, soprattutto dopo la pubblicazione, da parte del settimanale Charlie Hebdo, di una vignetta che proponeva il presidente turco Erdogan. L’attentato giunge a poche ore da una crisi diplomatica senza precedenti tra Turchia e Francia con la solidarietà espressa dalla Comunità Europea.

Carlo Alessi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore