/ Territorio

Territorio | 28 ottobre 2020, 20:49

Positivo al Coronavirus un agente della polizia locale di Induno Olona e Arcisate, chiuso l'ufficio e vigili in quarantena

«In supplenza di Ats - spiega il sindaco indunese Marco Cavallin - io e il sindaco di Arcisate Cavalluzzi ci siamo impegnati personalmente per tutta la giornata nel tracciamento dei contatti diretti dell'agente positivo per velocizzare la procedura»

Positivo al Coronavirus un agente della polizia locale di Induno Olona e Arcisate, chiuso l'ufficio e vigili in quarantena

Il Coronavirus è arrivato anche nel comando di polizia locale di Induno Olona e Arcisate, con un agente che è risultato positivo al tampone e con i due sindaci Marco Cavallin e Gian Luca Cavalluzzi costretti a chiudere l'ufficio dei vigili che sono finiti tutti in quarantena fiduciaria.

A comunicare ai cittadini le novità sul fronte del contagio il sindaco Cavallin con un messaggio.

«Cari indunesi, questa mattina ho appreso che è risultato positivo al tampone un componente de gruppo di Polizia Locale di Induno/Arcisate. D'intesa con il sindaco Cavalluzzi e ATS, abbiamo immediatamente disposto la chiusura degli uffici, che saranno sanificati domani e la messa in quarantena fiduciaria precauzionale di tutti gli agenti. A loro, ATS farà un tampone urgente per consentire a tutti i negativi di rientrare in servizio quanto prima possibile. In supplenza di ATS, io e Cavalluzzi ci siamo impegnati personalmente per tutta la giornata di oggi nel tracciamento dei contatti diretti dell'agente risultato positivo, al fine di velocizzare una procedura che - diversamente, vista la situazione di estrema pressione sull'ente preposto - non avrebbe potuto avere tempi rapidi».

SERVIZI SPESA E FARMACI A DOMICILIO

«Il crescere del contagio, e la conseguente necessità di chiedere a tutti di evitare di uscire di casa se non per urgenze e necessità, mi ha spinto a prendere la decisione di ripristinare da oggi il servizio della spesa e della consegna dei farmaci a domicilio per gli ultra-settantenni in difficoltà (malati, persone sole, senza nessuna possibilità di aiuto). Il servizio è gestito dai nostri Volontari di Protezione Civile, che già da qualche settimana lo stanno prestando ai malati e a coloro che sono posti in quarantena, sottoponendosi - con generosità - a massacranti tour de force e soprattutto, esponendosi malgrado ogni possibile precauzione, al rischio di contagio. A loro va il mio ringraziamento e a tutti i cittadini, la raccomandazione di chiedere accesso a questo servizio solo ed esclusivamente se veramente impossibilitati a fare altrimenti: ogni abuso impedirà a qualche altro bisognoso di avervi accesso. Per richiedere la consegna a domicilio di spese e farmaci, si può chiamare il numero 349.7566564 il lunedì e il venerdì dalle 9 alle 12: risponderà la mia delegata Mirella Faccio, che passerà le richieste alla Protezione Civile».

CAMPAGNA VACCINALE IN SALA BERGAMASCHI

«Campagna vaccinale: a novembre partirà ufficialmente l'iniziativa decentrata, supportata dal Comune di Induno su richiesta di ATS. I medici di base che afferiscono ad Asfarm (dottori Capaccioni, Concollato, Gandini, Ponti e Trotta) hanno dato disponibilità in forma associata a somministrare il vaccino antinfluenzale presso la Sala Bergamaschi, messa a disposizione dal Comune, nelle giornate di mercoledì e sabato, per evitare rischiosi assembramenti presso gli ambulatori di via Jamoretti. Tengo a precisare che il servizio è gestito da Asfarm previo appuntamento, da richiedere solo ed esclusivamente al proprio medico curante, che valuterà caso per caso le priorità e necessità; non chiamate in Comune e non scrivete su questa pagina per prenotazioni. La Protezione Civile di Induno sarà attiva anche su questo fronte, gestendo in sala Bergamaschi l'accesso in sicurezza e il rispetto delle norme anti-contagio». 

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore