/ Enogastronomia

Enogastronomia | 17 ottobre 2020, 22:58

Bake Off Italia 8, “tutti i frutti” di Sara nella settima puntata

Ogni settimana, dopo il programma, vi riassumeremo i momenti principali della puntata, con particolare attenzione alla designer varesina in gara. Non avete ancora visto la replica? Non preoccupatevi, gli spoiler sono segnalati!

Bake Off Italia 8, “tutti i frutti” di Sara nella settima puntata

Settima puntata di Bake Off Italia, il cooking show dedicato al mondo della pasticceria. Tra i 9 concorrenti rimasti in gara dalla scorsa puntata, la varesina Sara Moalli.

 

Il programma, prodotto da Magnolia per Discovery Italia, viene trasmesso ogni venerdì alle 21.20 su Real Time (canale 31 del digitale terrestre) e in streaming sulla piattaforma DPlay, oltre ad essere disponibile su Sky. Vi siete persi la puntata del venerdì? Potrete seguire le repliche di sabato alle 19.40, di domenica alle 13.40 e di mercoledì alle 16.30.

 

Attraverso i social, potrete inoltre interagire e commentare la puntata, utilizzando l’hashtag #BakeOffItalia e taggando i profili @realtimeitalia su Facebook, @realtimetvit su Instagram e @realtimetvit su Twitter.

Inoltre, potrete seguire Sara attraverso i suoi profili @SaraMoalli su Facebook e @saramoalli_bakeoff8 su Instagram.

 

DA QUI IN AVANTI... ALLERTA SPOILER!

 

********

******

****

**

*

 

La settima puntata di Bake Off Italia si apre con il benvenuto a un giudice d’eccezione: Chiara Maci, una tra le food blogger più famose d'Italia, nonché protagonista di “Italia a Morsi”, in onda su Food Network Italia.

 

La prima prova, quella creativa, prevede la preparazione, in 100 minuti, di quello che la conduttrice Benedetta Parodi definisce “Trionfo di frutta”, ovvero una torta che esalti il frutto scelto per ogni pasticciere da un altro concorrente.

 

A Sara, vengono assegnate le pesche da Donato e, a sua volta, assegna le mele a Philippe.

 

Le idee di Sara sono chiare fin da subito: «Vedo di rispolverare la tradizione della nonna» e così propone una versione moderna della crostata di frutta: sucrèe alle mandorle, spadellata di pesche al rosmarino, pepe e vaniglia, crema pasticcera alla vaniglia e cioccolato bianco, decorazione di menta.

 

«Più vado avanti più penso che il mio mondo sia in cucina«, afferma Sara mentre prepara il suo dolce.

 

Manca un minuto, il tempo degli ultimi ritocchi ed è già ora degli assaggi. Come la scorsa puntata, i migliori riceveranno un bonus da utilizzare nella prova successiva.

 

«Esteticamente mi rispecchia, pulita e monocromatica», afferma la nostra Sara, ma i giudici non sono soddisfatti: Knam non sente la pesca, secondo Chiara Maci mancano le basi tecniche delle creme; solo la frolla, secondo Damiano, è perfetta.

 

Niente bonus, quindi, per Sara, che, però, non si scoraggia: «Non saranno quei 10 minuti a non farmi finire la prova tecnica».

 

È il momento della seconda prova, quella tecnica. I pasticcieri avranno 150 minuti per ricreare la «non facile, ma fattibile» “Torta cristalli di frutta” realizzata da Knam per l’occasione: tre piani, ognuno composto da tre strati di cake all’arancia, burro all’arancia, cremoso al cioccolato fondente e arancia, il tutto ricoperto dalla crema al burro, fette d’arancia cristallizzate e alchechengi brinati.

 

A Sara le torte a più piani non piacciono, ma riesce comunque a presentare un buon dolce, soprattutto per il pan di spagna e la crema al burro, entrambe preparazioni fatte molto bene. Qualche difetto c’è (a partire dal terzo piano mancante), ma la torta permette alla nostra pasticciera di classificarsi terza e avere, così, diritto al bonus per la terza e ultima prova.

 

Se fino a questo momento i concorrenti hanno utilizzato frutta già “pronta”, ora dovranno a crearla da zero, presentando, in 140 minuti, una composizione che si ispiri alla Natura Morta di Caravaggio. 

 

Sara, insieme a Elena e Alessandra, potrà preparare solo due tipi di frutta: «Il primo è la pera, per forza, perché mi ricorda mia sorella, poi ho intenzione di fare un mandarino», afferma la nostra pasticciera prima di incontrare alcune difficoltà che la fanno entrare momentaneamente nel panico.

 

«È una prova a cui tengo particolarmente, ci tengo a essere precisa, mi piace la pasticceria moderna, ci tengo a farla bene, devo avere tutto sotto controllo», spiega a Benedetta e Knam, “in visita” alla sua postazione.

 

Per fortuna, ritorna la calma, anche grazie alla poesia che Philippe le dedica (voi avete mai declamato versi in rima?). 

 

Superata anche la “crisi degli abbattitori” (le mousse di cui sono composte i frutti, infatti, devono restare al freddo per solidificarsi nel modo corretto e continuare ad aprire e chiudere gli abbattitori non consente di mantenere al loro interno una temperatura adeguata), la sfida è ormai finita. Via con gli assaggi!

 

Sara presenta pere, ovvero un piccolo biscotto di frolla alla base, ganache al cioccolato bianco e mousse di pere Williams - «semplicemente sublimi», secondo Knam - e arance, composte da ganache al cioccolato bianco e scorza d’arancia, presente anche all’interno, semi candita.

 

È il momento di decidere il migliore di una puntata in cui tutti hanno avuto alti e bassi: complimenti Sara, questa volta tocca a te indossare il grembiule blu!

 

Con l’augurio di «tirare sempre fuori il meglio», come dice la nostra pasticciera, vi aspettiamo alla puntata di venerdì prossimo!

Giulia Nicora

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore