/ Meteo e ambiente

Meteo e ambiente | 16 ottobre 2020, 15:46

VIDEO. Una rarità botanica alle Ville Ponti che ricorda anche il professor Furia

Il vice sindaco Daniele Zanzi racconta la storia della Meta Sequoia Glyptostroboides che svetta nel Parco: «Si pensava fosse estinta. Ne abbiamo recuperato un esemplare e lo abbiamo piantato negli anni'80. Era grande come noi, adesso è alto 15 metri»

VIDEO. Una rarità botanica alle Ville Ponti che ricorda anche il professor Furia

A margine della premiazione del concorso di Coldiretti Varese "Balconi Fioriti" (leggi QUI) il vice sindaco Daniele Zanzi regala una chicca sulla storia della grande pianta che svetta nel parco delle Ville Ponti.

«E' una pianta a cui sono molto legato perché l'abbiamo mesa a dimora io e il professor Furia nei primi anni'80 in occasione della Festa degli Alberi  - racconta Zanzi - E siamo andati a ricercare una pianta inusuale, una Meta Sequoia Glyptostroboides, che recuperammo in un vivaio piacentino. Un pianta strana che si pesava fosse estinta. Poi nel 1940 circa trovarono una pianta in una valle sperduta nella Cina Meridionale e iniziarono a riprodurla». 

La particolarità di questa pianta è che, pur essendo una conifera, perde gli aghi «diventerà color oro. E' molto simile al Cipresso Calvo, delle paludi della Florida, ma la differenza è che gli aghi di questa cupressacea sono inseriti nello stesso punto gli aghi opposti, ed è l'unico modo per distinguerla. Mi fa piacere che nell'arco di 35 anni sia cresciuta così, era poco più alta di noi e ora sfiora i 15 metri di altezza. Una rarità botanica della Città in un Giardino». 

Valentina Fumagalli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore