/ Meteo e ambiente

Meteo e ambiente | 16 ottobre 2020, 15:30

VIDEO. Coldiretti Varese, a Ville Ponti i premi della prima edizione di “Balconi Fioriti”

Una coppia di vicine di Sesto Calende, un balcone di Via Crispi a Varese e uno di Saronno sono stati premiati nell'ambito dell'evento ideato perché «si parte dalle fioriture dei propri spazi di casa per giungere a trasformare e rendere più bella una via, un quartiere, un intero comune»

VIDEO. Coldiretti Varese, a Ville Ponti i premi della prima edizione di “Balconi Fioriti”

Uno dei “salotti verdi” del territorio, il parco di Ville Ponti, è stato lo scenario della premiazione del primo concorso “Balconi Fioriti in provincia di Varese” promosso dalla Coldiretti provinciale. «Abbiamo avuto un ottimo riscontro di partecipanti, il che ci incoraggia a proseguire l’iniziativa anche per il prossimo anno - commenta il presidente di Coldiretti Varese Fernando Fiori - E’ un concorso nato a fine primavera per sensibilizzare l’opinione pubblica sul ruolo del verde e dei fiori, ma anche per evidenziare un anno drammatico per gli operatori del settore: il 2020 sarà ricordato come l’annus horribilis del comparto florovivaistico, con una primavera che ha azzoppato la stagione sul nascere e costretto i produttori a distruggere le proprie piante per fare spazio, in serra, alle nuove incombenti fioriture: un ciclo che, purtroppo, si è ripetuto e protratto per settimane. Ma una rinnovata cultura del verde e dei fiori può guidare la ripartenza, sostenendo le imprese ma anche rendendo più belli e accoglienti i nostri centri urbani».

Con questo spirito, appunto, il concorso Balconi Fioriti ha saputo proporsi e acquisire consensi già in questa prima edizione. Partecipare a “Balconi Fioriti in provincia di Varese”, promosso da Coldiretti, era (e sarà) semplicissimo: per i concorrenti è stato sufficiente inviare le foto dettagliate dei loro balconi che sono state valutate da una giuria di florovivaisti ed esperti in competizioni internazionali del settore, con la qualificata consulenza di Anna Furlani Pedoja, membro dell’Associazione Italiana Architettura del Paesaggio, dell’European Foundation for Landscape Architecture e in passato giudice italiano del concorso europeo Entente Florale.

Il primo premio a Daniela Brusa e Valeria Squellati, che insieme hanno dato vita al “Balcone di Borgoratti” in frazione Lentate di Sesto Calende. Un riconoscimento “per la ricchezza delle fioriture, la passione e l’impegno mostrate, la capacità di fare squadra e di programmare, al di là della fioritura del proprio balcone, un allestimento floreale coordinato dell’intero stabile”; Stefano Pari di Varese vince il secondo premio con il suo con il suo “Balcone della Via Crispi”, “per la ricchezza e l’alternanza di colore delle fioriture, per la bellezza e salute delle piante, per l’immagine piena e fiorita che emerge dal suo allestimento”. Infine, il giovane Francesco Virgili, di Saronno, vince il terzo premio “per l’armonia floreale del balcone a concorso, inserito nel contesto di uno storico palazzo, dove risulta particolarmente apprezzata la scelta degli equilibri cromatici e della disposizione delle fioriture”. 

Come detto, sono diversi i premi in palio, con buoni spesa da spendere negli agriturismi di Terra Nostra Varese da 300, 200 e 100 euro per i finalisti. Ai concorrenti è stata data massima libertà nella fioritura dei balconi: era infatti possibile utilizzare tutte le essenze disponibili, ovvero qualsiasi pianta ornamentale verde e/o fiorita, annuale o perenne, arbustiva o erbacea, non artificiale. Unico vincolo, assolutamente banditi i fiori di plastica o, comunque, finti. Nel riunirsi per valutare le fotografie inviate, la commissione ha tenuto conto dei seguenti criteri generali di giudizio: 1) presentazione estetica d'insieme del balcone fiorito; 2) ricchezza e qualità di fiori e piante; 3) fantasia e armonia di colori nell'allestimento.

«Fiorire significa rinascere, riaprire, dare un segno di accoglienza e benvenuto nei nostri territori. Importante è stato il coinvolgimento delle amministrazioni comunali e delle Pro Loco del territorio, che ci hanno sostenuto nel diffondere il concorso. Il coinvolgimento della popolazione resta importantissimo: si parte dalle fioriture dei propri spazi di casa per giungere a trasformare e rendere più bella una via, un quartiere, un intero comune. Fiorire il proprio balcone significa dare un segno di bellezza e style-life, ma anche di attenzione verso il mondo dei fiori a tutto tondo e a un comparto, quello florovivaistico, che in provincia è forte di quasi mille imprese e offre lavoro a un indotto di diverse migliaia di persone».

Alla giornata, dopo i saluti del presidente Fiori sono intervenuti il vicesindaco di Varese Daniele Zanzi e i rappresentanti di Credit Agricole Attilio Ruggerone e Marco Rippa. 

Valentina Fumagalli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore