/ L'ultima contesa

L'ultima contesa | 06 ottobre 2020, 19:44

«Dopo la vittoria contro la Effe, Bulleri ha scritto solo una cosa sulla lavagna: Cantù»

A “L’ultima contesa” Niccolò De Vico lancia la lunga volata verso il derby, raccontando un retroscena avvenuto negli spogliatoi di Bologna. Tanti gli argomenti toccati, anche con il direttore sportivo Mario Oioli

«Dopo la vittoria contro la Effe, Bulleri ha scritto solo una cosa sulla lavagna: Cantù»

«Nello spogliatoio di Bologna, dopo averci fatto i complimenti per la vittoria, Bulleri ha scritto enorme sulla lavagna la parola “Cantù”. Senza tifosi però cambierà tutto: noi giocatori dovremo essere bravi a trovare l’energia e la carica dentro di noi».

Niccolò De Vico lancia la carica verso il derby di domenica prossima. Lo fa partecipando alla seconda puntata de “L’ultima contesa”, l’appuntamento di VareseNoi.it dedicato alla basket. Nel corso della trasmissione l’ala della Openjobmetis Varese si è soffermato anche su tanti altri argomenti.

Su Bologna: «Sapevamo dei possibili blackout della Fortitudo, avevamo preparato la partita su questo: nei momenti decisivi abbiamo fatto canestro e siamo riusciti a fermare loro al tiro».

Su Luis Scola: «Quello contro la Effe è stato un match molto difficile per lui. Noi compagni gli abbiamo dimostrato che possiamo essergli di aiuto e lui ha fiducia in noi: ce lo dimostra ogni giorno in allenamento. Alla Unipol Arena sono riuscito anche a calmarlo per evitare che prendesse un tecnico nel finale, quando era molto nervoso con gli arbitri».

Sui suoi primi due mesi in biancorosso: «Ogni aspettativa umana e professionale è stata rispettata. Non vedevo l’ora di giocare qui, perché so cosa vuol dire. È vero: non abbiamo ancora avuto il “vero” pubblico vicino, ma il calore e l’entusiasmo lo percepisco ogni giorno. Abbiamo vinto due partite e sembra che siamo già in finale di campionato…»

Su Caja e Bulleri: «Io sono venuto a Varese per coach Caja, perché mi ha voluto lui per la seconda volta. Quando c’è stato il suo esonero, devo essere sincero, mi è dispiaciuto, perché le cose stavano andando bene. Bulleri però mi ha sorpreso molto: è pronto, preparato, sul pezzo. Spinge tantissimo con noi».

Ospite di puntata anche il direttore sportivo biancorosso Mario Oioli, con cui si è parlato degli scenari regolamentari e legislativi che attendono il movimento nel prossimo futuro. Si va verso un derby per pochi intimi: «In questo momento è ancora valida la delibera regionale che permette l’accesso a 700 spettatori, ma il nuovo DPCM dovrebbe cambiare tutto e fissare la soglia a 200 o addirittura a porte chiuse, impendendo tra l’altro la possibilità di deroga delle Regioni. In uno sport come il basket, che non vive di diritti televisivi, gli scenari che si aprono non sono buoni: non saprei dire per quanto si potrà andare avanti. Si potrebbero chiedere al Governo degli sgravi fiscali in grado di dare una boccata d’ossigeno alle società, ma non sono cose semplici o automatiche da ottenere».

Per tutte le dichiarazioni di De Vico e Oioli vi rimandiamo alla visione della puntata integrale de L’ultima contesa

redazione


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore