/ Basket

Basket | 16 settembre 2020, 21:55

Dopo i centomila euro versati a Pallacanestro Varese, Il Basket Siamo Noi pensa al futuro: sabato le elezioni del nuovo direttivo

Tornata elettorale in programma per il Trust dei tifosi, che possiede il 5% delle quote societarie. Il presidente uscente Umberto Argieri va verso il bis, nell’intento di far crescere ulteriormente l’associazione (oggi circa 600 soci) e i contributi erogati tramite l’azionariato popolare

Dopo i centomila euro versati a Pallacanestro Varese, Il Basket Siamo Noi pensa al futuro: sabato le elezioni del nuovo direttivo

È tempo di elezioni per Il Basket Siamo Noi, il trust dei tifosi biancorossi che possiede il 5% delle quote di Pallacanestro Varese. L’assemblea generale, in programma sabato 19 settembre, seguita da una tornata elettorale che coinvolgerà i soci, determinerà chi saranno i nomi e i volti di coloro che guideranno l’associazione nella terza era della sua storia.

Non si tratta di un appuntamento di poco conto nella galassia che orbita intorno al sodalizio dieci volte campione d’Italia: con la forza delle idee, dei fatti, dell’entusiasmo e - a poco a poco - anche dei numeri, il Trust si è affermato come il vero “terzo polo” della società, affiancando Varese nel Cuore e il consiglio di amministrazione nei processi strategici, decisionali e commerciali. 

Da sorta di “Basket Club” (l’unione dei supporter che condivideva le gioie e i viaggi dell’epoca d’oro di Ignis e Mobilgirgi) 2.0 - creatura pressoché ininfluente sul piano “politico”, economico e fattivo - a essenziale punto di riferimento, il salto non è stato né breve né agevole. La nascita nel 2016, che ha sdoganato l’azionariato popolare come possibile nuova stampella economica dei destini societari, non si è tradotta automaticamente in “adepti” finanziatori, nonostante l’apparente entusiasmo generato dalla novità in una piazza sempre all’avanguardia sul fronte delle idee (prima del Trust, il pool di sponsor del 1998 e lo stesso Consorzio): chi allora era convinto che a Varese - supposta patria della pallacanestro - bastasse il progetto per coinvolgere l’intera tifoseria e veleggiare di bolina verso i 1000 soci, si è dovuto ricredere. E in fretta. Pronti via i “sì” dei tifosi proprietari furono circa 300, rimanendo più o meno tali anche nei due anni successivi, governati dalle difficoltà tipiche di ogni inizio e da tante domande inevase che hanno creato impasse nell’azione: cosa essere? Cosa diventare? Cosa proporre agli appassionati (pochi, troppo pochi, così come esigue - di conseguenza - le sostanze erogate a Pallacanestro Varese) per incassare la loro fiducia?

Il cambio di passo è avvenuto nel 2018, in corrispondenza con le prime elezioni che hanno portato - dopo il biennio che ha visto l’avvocato varesino Luca Thomas Villa come fondatore e presidente - a un nuovo direttivo e a un nuovo numero uno, Umberto Argieri. Decisiva un’inversione a “u” della forma mentis: lasciate alle spalle le aspettative numeriche deluse e la relativa analisi dei perché, Il Basket Siamo Noi ha deciso di costruirsi prima un’identità precisa e poi (solo poi) di passare all’incasso. L’elenco dei fatti è notorio e notevole: si è lavorato sul piano dell’aggregazione (le coreografie durante le partite interne, l’organizzazione delle trasferte, le serate in compagnia dei campioni del passato, il coinvolgimento dei giocatori attuali, il museo storico che ha spopolato in piazza Monte Grappa), su quello commerciale (il merchandising, la valorizzazione del marchio), quello sociale (la sistemazione degli esterni del palazzetto durante le varie edizioni della “Not in my house”, campagna che ha visto i tifosi sul campo con ramazza e olio di gomito per ridare dignità a un Lino Oldrini deturpato dai graffiti e dall’incuria… Ma non solo: l’organizzazione di tornei, il dialogo con le scuole, le azioni di stampo benefico…), quello comunicativo e quello istituzionale (gli ottimi rapporti con il Comune di Varese, la Camera di Commercio, le altre onlus…).

Fatti, su fatti, su fatti. Che hanno finalmente portato a dei riscontri tangibili sia nella considerazione della stessa Pallacanestro Varese verso l’associazione (oggi come oggi considerata un vero alleato di governo, oltre che un proprietario sulla carta), sia alla sperata crescita numerica: dei soci (attualmente circa 600) e soprattutto del denaro girato alla società madre. Nel bilancio che sabato verrà presentato ai soci per l’approvazione, relativo al 2019, il dato dei contributi versati è tutt’altro che trascurabile: si tratta di circa 100 mila euro, derivanti non solo dalle quote associative, ma anche dagli incassi di un’altra intelligente iniziativa, la lotteria natalizia che ha polverizzato 15 mila biglietti. È come se la società avesse trovato uno sponsor in più.

Cosa c’è in cantiere per il futuro? Come sarà e cosa farà Il Basket Siamo Noi 3.0? Primo obiettivo, scontato se siete arrivati a leggere fino a qui: continuare a proporsi come un vulcano di aria nuova, sempre pronto a eruttare. Fatti e ancora fatti, insomma, perché solo il loro tramite verrà compiuto l’intento di allargare ulteriormente la base associativa (i fatidici mille associati) ed economica. E dopo aver conquistato la città, c’è un bacino ancora quasi vergine da esplorare: la provincia.

Chi ci sarà? Pressoché certa la rielezione di Umberto Argieri, persona appassionata e competente, conosciuta e riconosciuta dal “popolo” e molto apprezzata anche in seno a Pallacanestro Varese. Insieme a lui, auspicabile un mix tra figure vecchie e nuove, per non smarrire la strada tracciata in questi due anni ma - al contempo - poter anche contare su una ventata di freschezza, normalmente proficua. I candidati tra cui scegliere saranno 14 (tra essi anche alcuni giovanissimi: altra bella notizia) e il nuovo direttivo sarà composto dai 9 soggetti più votati, senza distinzione tra soci Fondatori, Gold e Silver. A votare saranno ammessi solo i soci Gold e Silver in regola con l’iscrizione annuale (sarà possibile rinnovare anche prima di votare): ogni elettore potrà esprimere fino a nove preferenze. Seggi aperti dalle 11 alle 17: chi non riuscirà a essere presente, avrà la possibilità di delegare un altro socio.

 

Elenco dei candidati:

 

SOCI FONDATORI

Renato Vagaggini

Umberto Argieri

Paola Biancheri

SOCI GOLD

Paola Guarneri

Fabio Furini

Elena Soldani

Daria Carcano

SOCI SILVER

Michele Oprandi

Guglielmo Magistro

Giovanni Zanetta

Carlo Girardi

Gianmarco Ricci

Andrea Gasparotto

Martina Zuliani

Fabio Gandini


Vuoi rimanere informato sulla Pallacanestro Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo PALLACANESTRO VARESE
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP PALLACANESTRO VARESE sempre al numero 0039 340 4631748.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore