/ Territorio

Territorio | 15 settembre 2020, 17:22

Coronavirus quasi sconfitto a Laveno. Il sindaco: «In casa di riposo un solo contagiato e tre in paese di cui due non abitualmente residenti»

Il primo cittadino Ercole Ielmini fa il punto in un video: «Le grosse preoccupazioni di questi mesi si sono affievolite, anche se resta il grande dispiacere e il lutto per i morti. Non ne siamo ancora fuori però, mi appello in particolare ai giovani perché vengano rispettate tutte le regole anti contagio»

Coronavirus quasi sconfitto a Laveno. Il sindaco: «In casa di riposo un solo contagiato e tre in paese di cui due non abitualmente residenti»

Coronavirus ormai quasi sconfitto a Laveno Mombello dopo tanti mesi di sofferenze, preoccupazioni e soprattutto di lutti, in particolare alla casa di riposo Menotti Bassani.

E' il sindaco Ercole Ielmini, in un video, a fare il punto della situazione sull'emergenza Coronavirus in città.

«In casa di riposo attualmente c'è un solo contagiato, mentre in paese i casi positivi sono tre di cui due persone non abitualmente residenti in paese - spiega Ielmini - le grosse preoccupazioni delle scorse settimane si sono affievolite anche se resta il dispiacere e il lutto per i morti».

Il primo cittadino invita a non abbassare la guardia.

«Laveno ha dimostrato senso di responsabilità nel rispettare le regole, ma non siamo ancora usciti dalla pandemia - prosegue il sindaco - dobbiamo ancora stare attenti e rispettare tutte le norme, in particolare mi appello ai giovani tra i quali vedo ancora un po' di insensibilità nel seguire le regole anti Covid».

Un accenno infine alle scuole del paese, riprese regolarmente il 14 settembre, dalle primarie alle superiori e un saluto alla Guardia Costiera che con il 15 settembre termina il suo servizio di vigilanza sulle acque del lago Maggiore. 

M. Fon.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore