/ Salute

Salute | 09 settembre 2020, 16:41

Ats Insubria: «Al 7 settembre effettuati 14mila test sierologici al personale delle scuole: positivi il 2%, tutti poi negativi al tampone»

Prosegue l'attività di screening gratuito Covid 19 nelle sedi di Varese e Como previsto per circa 30mila persone che fanno parte del personale docente e non docente di scuole pubbliche, private e asili nido avviato il 24 agosto su base volontaria

Ats Insubria: «Al 7 settembre effettuati 14mila test sierologici al personale delle scuole: positivi il 2%, tutti poi negativi al tampone»

ATS Insubria, in collaborazione con le ASST Sette Laghi, Valle Olona e Lariana, Protezione Civile, Associazione carabinieri in congedo e volontari, gestisce il programma di screening gratuito previsto per circa 30 mila soggetti che fanno parte del personale docente e non docente delle scuole pubbliche private e paritarie e degli asili nido, avviato il 24 agosto, su base volontaria, in osservanza delle normative nazionali e regionali in vigore per l’anno scolastico che sta per partire. 

Davvero significativa l’adesioni di docenti, operatori tecnico-amministrativi e educatori dei servizi educativi per l’infanzia e ovviamente anche Dirigenti Scolastici e Responsabili di Istituti e Scuole, oltre 14.000 i soggetti che hanno effettuato il test sierologico rapido al 7 settembre: positivi al test rapido solo poco più del 2% dei soggetti testati, che sottoposti al tampone per la ricerca molecolare del Sars- Cov2 – Coronavirus sono tutti risultati negativi. 

ATS Insubria segnala al personale docente e non, che non ha ancora aderito al test, che lo stesso può essere eseguito anche dai Medici di Medicina Generale, che hanno aderito al programma e possono essere contattati dai singoli assistiti: sono oltre 300 - sempre al 7 settembre - i soggetti che hanno scelto di effettuare lo screening presso il proprio Medico. Si precisa, che in base alle disposizioni vigenti, non è previsto il rilascio del referto del test rapido in caso di negatività. 

Dal 9 settembre prosegue ancora l’attività - fino al 18 settembre - nelle postazioni allestite a Como al San Martino in via Castelnuovo e a Varese nell’area antistante CFP e Università dell’Insubria in via Monte Generoso. Si ricorda che la convocazione da parte di ATS, in base agli elenchi inviati dalle scuole, è il requisito indispensabile per accedere al test rapido. È stata prevista la possibilità anche per il personale non di ruolo e di recente nomina di accedere al test sempre per il tramite delle segreterie scolastiche.

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore