/ Lettere

Lettere | 28 agosto 2020, 14:19

LA LETTERA. Dopo runner, parchi e discoteche ora il Coronavirus lo prende solo chi va in vacanza. «Ma siamo sicuri che sia davvero così?»

Un lettore ci scrive esponendoci un dubbio in merito all'aumento dei contagi degli ultimi giorni: «Se fossero rimasti in Italia sarebbero tutti i sani?»

LA LETTERA. Dopo runner, parchi e discoteche ora il Coronavirus lo prende solo chi va in vacanza. «Ma siamo sicuri che sia davvero così?»

Buongiorno Direttore,
Mi permetto di rivolgere una riflessione prendendo spunto da un Vostro articolo (leggi QUI). Sarò sintetico e mi chiedo: ma siamo sicuri che queste persone (o una parte) sono positive perché sono andate all’estero? E’ mai stato fatto un confronto con un campione omogeneo per età, zona di residenza, sesso di persone che non si sono recate all’estero?

Stiamo scovando molti positivi asintomatici che però li vediamo perché sono andati all’estero. E se fossero rimasti in Italia?... sarebbero tutti sani … Lei  cosa ne pensa in merito? Cordialmente e complimenti per il lavoro che svolgete

Riccardo Nepomuceno
Daverio

Buongiorno gentile Riccardo,
innanzi tutto grazie per il suo spunto di riflessione. In effetti, come spesso accade dall'inizio di questa emergenza, a volte si tende a generalizzare. All'inizio il virus era dovuto a chi arrivava dalla Cina, poi da Codogno, poi dalla Lombardia, ora a chi arriva dall'estero. Allo stesso modo un giorno ci dicono che il virus muta, l'altro giorno che non muta; un giorno teme l'estate, il giorno dopo è insensibile al clima. All'inizio la malattia colpiva soprattutto gli anziani, ora invece sono i giovani che devono guardarsi dall'infezione. Per non parlare delle "crociate" contro i runner, le persone che fanno la spesa, le mamme ai parchi con i bambini, i ragazzi in discoteca e, ora, chi rientra dalle vacanze. Gli esempi potrebbero andare avanti quasi all'infinito. Se una verità c'è forse è la seguente: in questo momento, come nei durissimi mesi passati, cerchiamo disperatamente certezze. Certezze che al momento non abbiamo. Né possiamo avere.
Continui a seguirci.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore