/ Territorio

Territorio | 08 agosto 2020, 09:06

Il Coronavirus è tornato a Samarate: due nuovi contagi e sette persone in osservazione. Il sindaco: «L'emergenza non è finita»

E' durata solo cinque giorni l'assenza del Covid dalla città. Il primo cittadino Enrico Puricelli: «I due casi positivi non sono collegati tra loro e tutti i protocolli sono stati attivati. Dopo soli 5 giorni, il "maledetto" è tornato tra noi, una notizia che deve farci riflettere».

Il Coronavirus è tornato a Samarate: due nuovi contagi e sette persone in osservazione. Il sindaco: «L'emergenza non è finita»

Il Coronavirus è tornato a Samarate: sono due i nuovi casi positivi accertati, mentre sette persone sono in "osservazione".

E' durata solo pochi giorni l'assenza del virus in città, che era stata dichiarata Covid free appena cinque giorni fa con la guarigione acclarata dell'ultimo samaratese ammalato.

A comunicare le novità ai cittadini il sindaco Enrico Puricelli.

«Ats Insubria e Prefettura di Varese mi hanno comunicato due nuovi casi di positività al Covid-19 nel territorio di Samarate, casi non collegati tra loro - afferma Puricelli - inoltre risultano sette concittadini in “osservazione”».

In totale, ad oggi a Samarate i positivi al Coronavirus sono quindi 2, i guariti 35, in osservazione 7 e i deceduti 9.

«Per tranquillizzarvi, posso garantire che le autorità sanitarie hanno messo in atto i protocolli e le misure necessarie per la tutela di chi potrebbe aver avuto contatti con le persone risultate positive - prosegue il sindaco - Tali persone rientrano tra gli “osservati”, ai quali è stata fissata la misura della quarantena (14 giorni). Dopo soli 5 giorni, a Samarate tornano le nubi: il “maledetto” è tornato tra noi. Una notizia che deve farci riflettere. Come ho sempre raccomandato, dobbiamo continuare a rispettare le regole del distanziamento sociale e le disposizioni sull’utilizzo della mascherina. Con l’arrivo dei mesi estivi, vedo sempre più persone che si ritrovano in gruppo senza utilizzare la mascherina, soprattutto i più giovani. Senza la giusta attenzione potremmo rendere vano ogni sacrificio fatto fino ad oggi. L’emergenza non è ancora terminata».

M. Fon.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore