/ Meteo e ambiente

Meteo e ambiente | 06 agosto 2020, 12:09

A luglio nel Varesotto temperature un grado più alte della media. E con grandine da 5 centimetri di diametro

Le statistiche meteo del Centro Geofisico Prealpino per il mese da poco terminato: è stato il dodicesimo luglio più caldo di sempre. Poca pioggia, ma la grandine non è mancata

Un pezzo di ghiaccio grande come un uovo caduto dal cielo a Carnago (foto di Sabrina Martucci via NaturalMeteo

Un pezzo di ghiaccio grande come un uovo caduto dal cielo a Carnago (foto di Sabrina Martucci via NaturalMeteo

Sarà che ormai siamo abituati a giornate sempre più calde, ma lo scorso mese di luglio non è sembrato eccessivamente bollente, e non ha dispensato giornate torride come quelle di settimana scorsa. L'ondata africana di inizio agosto, infatti, ha raggiunto e superato a Varese massime di 35 gradi, avvicinandosi al record storico del giugno 2019 (36.8°). 

Eppure anche un luglio così apparentemente tiepido ha fatto registrare tutti i segnali del riscaldamento globale: secondo i dati statistici diffusi dal Centro Geofisico Prealpino, infatti, il mese passato ha fatto registrare nel Varesotto temperature "solo" «un grado al di sopra della media del trentennio 1981-2010, posizionandosi dodicesimo posto tra quelli più caldi».

«Le temperature del luglio record del 2015 sono erano state quasi 3°C superiori - ricorda il Centro Geofisico Prealpino, che ogni mese dedica spazio alle statistiche meteo - Una breve ondata di calore è stata limitata all'ultima settimana del mese. La pioggia è stata scarsa, solo il 48% della norma ma con alcuni forti temporali, particolarmente il giorno 11 ed il 24, con notevoli grandinate fino a 5 centimetri» di diametro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore