/ Meteo e ambiente

Meteo e ambiente | 05 agosto 2020, 16:44

Le lenta agonia dei nostri ghiacciai: «In 14 anni persi 22 chilometri cubi di volume»

Una ricerca dell'Università di Erlangen-Norimberga conferma il cattivo stato di salute dei ghiacciai alpini: tra il 2000 e il 2014 hanno perso un sesto del loro volume

Le lenta agonia dei nostri ghiacciai: «In 14 anni persi 22 chilometri cubi di volume»

«I ghiacciai della regione alpina hanno perso un sesto del loro volume totale nel corso di quattordici anni».  La valutazione è stata pubblicata dai ricercatori dell'Università di Erlangen-Norimberga sulla rivista specialistica ''Nature Communications''.  

La ricerca ha esaminato non solo singoli ghiacciai, bensì l'intera regione alpina. In circa 40 anni, le superfici dei ghiacciai si sono ridotte di un terzo ma tra il 2000 e il 2014 i ghiacciai alpini hanno perso 22 chilometri cubi di ghiaccio.

La situazione è allarmante soprattutto in Svizzera, Paese che ha registrato sul suo arco alpino il principale scioglimento. Se il cambiamento climatico continuasse a procedere di questo passo, resterebbero tra 100 anni solo piccole tracce dei ghiacciai. Solo nell’ultimo anno i ghiacciai svizzeri hanno perso 1500 milioni di metri cubi di ghiaccio.

Insieme a quegli degli anni 2003 e 2011, si tratta di uno dei peggiori ritiri degli ultimi cento anni.  Il record negativo lo detiene il ghiacciaio del Morteratsch, nel massiccio del Bernina: nella sola estate del 2003 la sua lingua si è ritirata di ben 76 metri.

da OssolaNews.it

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore