/ Varese

Varese | 04 agosto 2020, 13:02

PROVE DI RIAPERTURA. Luci accese al Franco Ossola. Ma quella selva alta mezzo metro cresciuta nell'antistadio va tagliata (FOTO)

Una buona notizia e una segnalazione che merita un intervento: sono in corso i lavori per la messa a norma dello stadio, a partire dall'impianto elettrico, ma nell'antistadio che dovrebbe ospitare la pista del ghiaccio temporanea è cresciuta una "foresta" d'erbacce alta più di mezzo metro

Il lampione acceso tra la tribuna e la curva Nord del Franco Ossola oggi a mezzogiorno: sono in corso i lavori di adeguamento dell'impianto elettrico

Il lampione acceso tra la tribuna e la curva Nord del Franco Ossola oggi a mezzogiorno: sono in corso i lavori di adeguamento dell'impianto elettrico

Sono in corso i lavori di adeguamento e messa a norma del Franco Ossola, che l'amministrazione ha messo in cantiere in vista della prossima stagione, quella che vedrà il ritorno allo stadio dopo più di un anno e mezzo della squadra calcistica cittadina in serie D e - Covid permettendo - anche del pubblico biancorosso. I 100mila euro che l'amministrazione comunale ha doverosamente e saggiamente potuto recuperare grazie alla convenzione con il vecchio Varese Calcio sono dunque stati immediatamente utilizzati per i lavori principali che metteranno in regola l'impianto di Masnago, permettendo anche le partite in notturna.

In queste ore si sta agendo sull'impianto elettrico e, come si può notare da queste foto scattate attorno alle ore 12, si stanno adeguando e testando le luci di Masnago ianche in pieno giorno, per non lasciare nulla al caso: bene così, visto che la città capoluogo non può non avere uno stadio a norma. Altro discorso riguarda la futura agibilità del settore distinti, chiuso da tempo: per essere riaperti e ripristinare le condizioni di sicurezza dei gradoni di cemento, si dovrà intervenire con un nuovo investimento.

Dall'altra parte del Franco Ossola, però, proprio dove dovrebbe sorgere entro ottobre la pista del ghiaccio provvisioria per via dell'inagibilità del palaghiaccio, è cresciuta una selva di erbacce alta più di mezzo metro che oscura totalmente la vista dai cancelli che, nel piazzale del palazzetto, danno sul campo in terra battuta dietro alle gradinate dei distinti.

Come potete vedere dalle immagini nella gallery in fondo all'articolo, la vista di chi attende il pullman o transita davanti all'Enerxenia Arena è poco edificante. Si attende dunque l'intervento del Comune per sfalciare la "foresta" cresciuta nell'antistadio.  

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore