/ Varese

Varese | 04 agosto 2020, 18:49

VIDEO. Dopo 17 anni la giostra del sorriso lascia piazza Repubblica: «Spero di poter continuare a far sorridere i bambini di Varese»

Romes Uga, titolare de L'Allegra Fattoria, costretto a traslocare a causa dei lavori di riqualificazione: «Ho visto tanti varesini diventare grandi. Giusto cambiare, ma spero si possa trovare una location alternativa. Qui ho lasciato il cuore»

VIDEO. Dopo 17 anni la giostra del sorriso lascia piazza Repubblica: «Spero di poter continuare a far sorridere i bambini di Varese»

Da qualche giorno la Varese dei bambini ha dovuto salutare uno dei suoi simboli più simpatici: a causa dei lavori di riqualificazione di piazza Repubblica la celebre giostra “L’Allegra Fattoria”, conosciuta da tutti i bambini della città, cambierà casa lasciando così vuoto uno spazio che veniva riempito dalla felicità dei più piccoli. 

Romes Uga è il proprietario della giostra. E' nato a Milano e ha 51 anni: la sua giostra fa parte del Luna Park di Varese dal 1967, dato che apparteneva in precedenza a suo padre. La famiglia di Romes, oggi come sempre, si dedica completamente a questo lavoro: tutti i giorni per quasi tutto il giorno, lui, i suoi figli e sua moglie lavorano per la giostra con qualche breve pausa, perché «questo è un lavoro ma dietro c’è una vita intera».

La famiglia di Romes è composta da quattro persone: lui, la moglie Giorgia e due figli. Una ragazza di diciannove anni ed un ragazzino di 13. «I miei figli sono cresciuti con la passione per questo lavoro» assicura Romes.

Un lavoro che non manca di sacrificio, ma che è fatto anche di tanta passione: «Se togli alla nostra famiglia questo lavoro - spiega Romes - e come se gli stessi togliendo la propria vita. Ho visto crescere tanti ragazzi di questa città: li osservavo salire sulla giostra anno dopo anno e intanto diventavano grandi. Ora che sono cresciuti portano l’Allegra Fattoria nei loro ricordi più spensierati. Perché d’altronde i ricordi dei bambini sono i loro sogni».

Ormai è arrivato il momento di guardare al futuro. Romes appoggia comunque la scelta dell'amministrazione: «Per lo spostamento del mercato dalla vecchia sede di piazzale Kennedy a piazza Repubblica, con un intervento a mio parere necessario, faccio il mio più grande augurio al Comune di Varese. Spero soltanto che l’amministrazione, con cui siamo già in buoni rapporti, possa trovare un’alternativa prestigiosa per questa attività che ha contribuito a valorizzare la città per tanto tempo, evitando di lasciare l’amaro in bocca ai genitori e a tutti i bimbi che le sono affezionati».

Un saluto che vale come un arrivederci prima di essere un addio, perché Romes, sicuramente tra i più celebri giostrai di Varese insieme alla sua famiglia, spera vivamente che il Comune possa trovare uno spazio che possa appartenergli, lui che tra l'altro si è speso per trasformare questa piazza nel cuore del Natale per i bimbi.

«Essere a capo di una famiglia - aggiunge - e sapere che per tre mesi e mezzo non saprai dove andare a lavorare, non ti fa dormire la notte. Spero vivamente di poter continuare a lavorare per questa magnifica città, senza brutti pensieri, ma soltanto guardando la felicità di chi ha più bisogno di essere felice: i bambini».

«In 17 anni di attività - continua - ho lasciato il mio cuore qui e oggi il pensiero di non essere più a Varese mi rattrista. Quando ho visto posizionare la prima transenna mi è venuto il magone perché questo posto è entrata ormai nel calendario della mia vita e in quello della mia famiglia».

Romes tiene poi a ringraziare tutta la città, tutti i bimbi che hanno conosciuto la sua giostra e anche gli amministratori comunali. «Spero tanto che tutto questo non venga dimenticato - conclude - e che non resterà soltanto un ricordo, ma una realtà che continuerà invece ad accompagnare questa meravigliosa città».

Andrea Galizia

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore