/ Lombardia

Lombardia | 01 agosto 2020, 23:46

CAOS TRASPORTI. Capienza di mezzi pubblici e treni: il governo dice una cosa, la Regione un'altra

Il ministro Speranza torna a vietare la possibilità di riempire mezzi pubblici e treni al 100% con obbligo di distanziamento di almeno 1 metro ma la Regione Lombardia in serata conferma l'ordinanza di ieri: riempimento al 100% dei posti a sedere e del 50% di quelli in piedi

CAOS TRASPORTI. Capienza di mezzi pubblici e treni: il governo dice una cosa, la Regione un'altra

Il ministro Speranza reintroduce nel giro di qualche ora con un'ordinanza il divieto di riempire mezzi pubblici e convogli dei treni ad alta velocità al 100% della capienza reintroducendo immediatamente il distanziamento almeno di un metro (leggi QUI) mentre la Regione Lombardia conferma l'ordinanza di ieri che invece permette di occupare il 100% dei posti a sedere e il 50% di quelli in piedi (leggi QUI) con l'obbligo della mascherina o di un indumento che copra naso e bocca. Chi abita in Lombardia dovrà dunque attenersi all'ordinanza regionale, in attesa di un chiarimento dopo queste direttive opposte di governo e Regione.

La nota della Regione Lombardia.
 
«In relazione all'ordinanza firmata ieri dal presidente della Regione Lombardia e in vigore da oggi, per quanto riguarda il trasporto pubblico locale - alla luce della nuova ordinanza emanata in data odierna dal ministro della Salute - Regione Lombardia, in attesa di valutare in maniera specifica e puntuale i contenuti di quanto previsto dalla nuova disposizione ministeriale e nell'ottica di un proficuo confronto da avviare in tempi rapidissimi con il Governo e con la Conferenza delle Regioni, conferma la propria ordinanza».

«Le decisioni assunte ieri dalla Regione - prosegue la nota -
oltre a essere in linea con i risultati dei dati sanitari
relativi alla Lombardia delle ultime settimane, puntano a un
allineamento con quanto già posto in essere da tempo, in materia di trasporto pubblico locale, da Regioni confinanti con la Lombardia. Il tutto anche in un'ottica di dare la possibilità, a chi gestisce il trasporto pubblico locale, di programmare e
sperimentare nuove azioni in vista della ripresa dell'attività
scolastica di settembre. Si ricorda, infine che in Lombardia per
l'accesso al trasporto pubblico locale è sempre obbligatorio
indossare la mascherina o indumenti idonei a coprire naso e
bocca».

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore