/ Varese

Varese | 29 luglio 2020, 23:34

A "Chi l'ha visto?" si cerca la sanguigna di Leonardo da Vinci trafugata 47 anni fa dal Museo Baroffio

La trasmissione di Rai3 ha dedicato ieri sera un ampio servizio sulla misteriosa scomparsa del bozzetto attribuito al grande Maestro, sparito dal Sacro Monte nel 1973

A "Chi l'ha visto?" si cerca la sanguigna di Leonardo da Vinci trafugata 47 anni fa dal Museo Baroffio

La popolare trasmissione di Rai3 che di solito si concentra sulla ricerca delle persone scomparse, ieri sera ha invece dedicato un ampio servizio alla misteriosa sparizione di un bozzetto che diversi studiosi hanno attribuito a Leonardo da Vinci e che era conservato al Museo Baroffio del Sacro Monte.

Un lavoro che sarebbe nientemeno che lo schizzo preparatorio del “San Giovanni Battista con gli attributi del Bacco” conservato ancora oggi a Parigi, al Louvre. L’abbozzo di quel quadro (una “sanguigna”, come la chiamano gli studiosi, su carta di 24 per 17 centimetri) fu trafugato nel 1973 e da allora inserito nell’elenco delle dieci opere più “ricercate” dai carabinieri del Nucleo tutela patrimonio artistico di Monza.

Quello che ruota così, intorno a quella bozza scomparsa nel nulla, è un vero e proprio giallo. A riportare alla luce la vicenda la trasmissione "Chi l'ha visto?" che attraverso la testimonianza di un'anonima abitante del Borgo del Sacro Monte ha svelato un ulteriore mistero intono alla sanguigna. «Quando ero bambina ci raccontavano che nel disegno, Giovanni Battista indica con il dito alle sue spalle quello che sembra il volto di Leonardo». Una sorta di autoritratto che varrebbe come firma del Maestro. 

Ci sarebbe anche una leggenda intorno all'opera e che riguarda il trafugatore: «Chiunque l'avesse portata via sarebbe stato colpito da una maledizione e non avrebbe mai più trovato pace». L'augurio espresso dal conservatore del Museo Baroffio, Carlo Capponi, è più che altro che «la sanguigna possa uscire da qualche collezione privata e tornare al Sacro Monte»

Valentina Fumagalli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore