/ Economia

Economia | 28 luglio 2020, 15:29

L'imprenditore varesino Colombo: «Una grande campagna promozionale internazionale per portare i turisti stranieri in Italia»

Il presidente di Aime AgroAlimentare interviene nel dibattito sul post lockdown: «Non sono né buonista né negazionista, ma solo realista, il nostro Paese risulta tra i più sicuri al mondo, invece di paventare nuove serrate spieghiamo come in Italia i controlli vengano effettuati e dove le regole vengono rispettate».

L'imprenditore varesino Colombo: «Una grande campagna promozionale internazionale per portare i turisti stranieri in Italia»

Una grande campagna promozionale internazionale per portare in Italia i turisti stranieri.

E' la proposta dell'imprenditore Marco Colombo, titolare dell'omonimo Salumificio di Crosio della Valle nonché presidente di Aime Agro Alimentare.

«Non sono né buonista, né negazionista ma solo realista - afferma Colombo - la pandemia, è tutt'ora in atto ovunque nel mondo, notizia di oggi, hanno chiuso Anversa per un numero importante di casi, la Catalogna è sotto lockdown, in Cina c'è una terza ondata e le notizie che arrivano giornalmente da Brasile e USA, non sono rincuoranti. Bene, anzi male, non capisco per quale motivo chi è preposto al controllo della situazione, imponga norme restrittive ad un popolo, che a mio avviso ha avuto un comportamento irreprensibile negli scorsi mesi e invece lascia fuggire da hotspot migranti sotto regime di quarantena obbligatorio. Non effettuano controlli su immigrati a rischio che arrivano da Paesi in piena pandemia e respingono un nugolo di italo americani atterrati in Sardegna. Il buon senso, da una parte e dall'altra è diventata merce rara, si dice di tutto e di più solo per un fine personale, per attirare consensi».

«In un momento storico, nel quale fortunatamente, il nostro Paese risulta tra i più sicuri al mondo, invece di negare o paventare nuove serrate, si dovrebbe tutti insieme creare un'azione promozionale, invitando turisti internazionali a trascorrere le proprie ferie in Italia, Paese dove i controlli vengono effettuati, dove le distanze vengono rispettate, dove è possibile fare test immediati senza sottostare a soste forzose. L' Italia è bella e vi aspetta a braccia aperte, nonostante qualche "pirla", che gioca sulla nostra pelle, perché non gliene frega niente della nostra economia e del nostro futuro» conclude Colombo

M. Fon.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore