/ Lettere

Lettere | 23 luglio 2020, 07:30

«Gualtiero era mio compagno d'ufficio alla Radio Svizzera. Arricchiva le persone che aveva accanto»

Vi proponiamo un'altra testimonianza delicata e bellissima in ricordo di Gualtiero Gualtieri, scomparso tragicamente a Saltrio insieme alla figlia

«Gualtiero era mio compagno d'ufficio alla Radio Svizzera. Arricchiva le persone che aveva accanto»

Vi proponiamo una delicata e bellissima testimonianza su Gualtiero Gualtieri giunta in redazione e la risposta di Mario Chiodetti che lo aveva ricordato sul nostro giornale con alcune parole molto toccanti (leggi QUI l'articolo di Mario e QUI la notizia della tragedia).

Buongiorno VareseNoi, 
ho lavorato per trent’anni alla Radio Svizzera e per molto tempo ho avuto come compagno di ufficio Gualtiero. Ci incontravamo poco, lui lavorava di notte e io di giorno, ma ogni tanto riuscivamo a chiacchierare un po’ ed era sempre arricchente. Si facevano anche quattro risate, aveva un humour straordinario.

Era molto riservato e soltanto una volta sono riuscita a fargli dire qualcosa sulla sua triste vicenda familiare. Non per curiosità stupida, ma per conoscerlo un po’ meglio. Come arrivare a capire una simile tragedia?

Bravissima persona, Gualtiero, delizioso scrittore e grande intrattenitore radiofonico a Millevoci nella notte, tutti gli volevano bene. Ho letto il bellissimo articolo di Mario Chiodetti. Lo ha ricordato in modo completo, con molto amore e tenerezza. Niente, volevo dire solo questo, la sua morte tragica con l’amata figlia mi ha colpito moltissimo e vi ringrazio di averlo ricordato in questo modo.
Mariella Salati
____

Gentile Signora Salati,
grazie per aver condiviso il ricordo di una persona straordinaria e unica come Gualtiero. Era molto riservato, ma se catturavi la sua fiducia ti dava tutto, era di una generosità senza pari. Anch’io ho lavorato con lui in radio, mi invitava alle sue trasmissioni a parlare di musica, è uno dei ricordi più belli della mia vita di giornalista e appassionato di cose curiose, come del resto era lui. Un saluto cordiale.
Mario Chiodetti

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore