/ Economia

Economia | 15 luglio 2020, 17:50

Rudy Collini entra nel consiglio nazionale di Confcommercio: «Porterò a Roma le istanze e le proposte del nostro territorio»

Dopo 23 anni, Varese torna ad avere un rappresentante al vertice dell'associazione di categoria che ha confermato presidente Carlo Sangalli: conferma, in rappresentanza della Fimaa, per un altro varesotto, Santino Taverna.

Rudy Collini e Santino Taverna

Rudy Collini e Santino Taverna

 

Rudy Collini, vicepresidente di Uniascom provincia di Varese, è stato nominato oggi componente del consiglio nazionale di Confcommercio Imprese per l’Italia. Confermato nel consiglio, in quota alle Federazioni, Santino Taverna, presidente nazionale di Fimaa.

Dopo 23 anni, un esponente della provincia di Varese torna ad avere in rappresentanza della presidenza una poltrona nel massimo organismo dell’associazione, che per il prossimo quinquennio ancora una volta si affiderà alla guida di Carlo Sangalli, confermato presidente per acclamazione dall’assemblea riunitasi nella sede di Confcommercio a Roma in piazza Belli.

«Il mio grazie per il supporto e per la fiducia in me riposta», le prime parole di Collini, «va al presidente di Uniascom Giorgio Angelucci, al segretario generale Sergio Bellani e a tutti i presidenti delle Ascom della nostra provincia: Renato Chiodi (Gallarate), Andrea Busnelli (Saronno) e Franco Vitella (Luino)». Il neo consigliere nazionale, nel sentirsi «onorato dalla possibilità di lavorare al fianco del presidente Sangalli», si impegna sin da ora a trasferire a livello nazionale «le esperienze virtuose del nostro territorio quale contributo all’ulteriore elevazione del comparto commerciale, del turismo e delle professioni».  Un ruolo, quello di Collini e dell’intero consiglio nazionale, strategico e delicato in un momento di grande difficoltà economica: «Faremo tutto ciò che serve per superare questo periodo». «A nome della nostra provincia, dei nostri 8 mila associati e delle cinque Ascom territoriali», prosegue, «porterò a Roma le istanze del nostro territorio, ma anche proposte e strategie che possano tradursi in ricadute positive a livello locale».

Con la nomina di Collini in seno al consiglio nazionale di Confcommercio Imprese per l’Italia, aumenta ulteriormente il peso della provincia di Varese all’interno dell’associazione. Il numero uno di Ascom Busto Arsizio e Medio Olona si aggiunge infatti a Santino Taverna (presidente nazionale di Fimaa e membro del consiglio nazionale in quota alle Federazioni), Franco Iemmallo (vicepresidente nazionale di Fnaarc), Giordano Ferrarese (membro del consiglio nazionale di Fipe), Maurizio Bernasconi (componente del collegio dei provibiri) eCristina Riganti (consiglio nazionale di Confcommercio Terziario Donna).

Gli incarichi a livello nazionale dei rappresentanti varesotti sono un concreto riconoscimento al lavoro svolto sul territorio da Uniascom e dalle cinque Ascom, che si concretizza nell’erogazione di servizi a 360 gradi proposti grazie alla grande professionalità, disponibilità e competenza degli oltre 230 operatori che lavorano all'interno delle sedi territoriali di Confcommercio provincia di Varese.

A Collini sono giunte anche le congratulazioni dell'amministrazione comunale di Busto Arsizio.

«E’davvero un'ottima notizia sia per il nostro territorio, che rafforza la propria rappresentanza all'interno di un organismo strategico per il commercio, sia per lo stesso comparto, che sta attraversando un momento durissimo a causa della pandemia e delle sue ripercussioni sulle attività e sui consumi - commenta la vicesindaco e assessore allo Sviluppo del territorio Manuela Maffioli - al presidente della nostra Ascom indirizzo quindi le mie congratulazioni e i migliori auguri di buon lavoro e gli rinnovo la più ampia disponibilità mia personale e dell'assessorato a proseguire nel percorso di concreta e proficua collaborazione in atto ormai da qualche anno».

 

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore