/ Varese

Varese | 11 luglio 2020, 09:47

Lotta al terrorismo, alle mafie e al narcotraffico: ecco chi è Carlo Mazza, il nuovo vicario del questore di Varese

Nato a Milano, il dottor Carlo Ambrogio Enrico Mazza vanta un ricchissimo curriculum che lo ha visto protagonista di numerose indagini terminate con l'arresto di latitanti internazionali e nella lotta al traffico internazionale di stupefacenti

Lotta al terrorismo, alle mafie e al narcotraffico: ecco chi è Carlo Mazza, il nuovo vicario del questore di Varese

Nuovo questore vicario per la Questura di Varese. Dallo scorso 6 luglio il dottor Carlo Ambrogio Enrico Mazza, primo dirigente della Polizia di Stato, è il nuovo vicario del questore. Mazza prende il posto del dottor Leopoldo Testa, trasferito in Sardegna, dove ha assunto la carica di comandante della polizia stradale della provincia di Nuoro.

Nato a Milano, coniugato, con due figli, Mazza si è laureato in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Milano. Entrato nell’amministrazione della pubblica sicurezza nel dicembre 1990 è stato assegnato alla Questura di Milano, con incarico di dirigente della IV Sezione della Digos, dedita all’attività informativa sui movimenti politici della destra extraparlamentare. Successivamente, assegnato alla sezione Antiterrorismo, sempre all’interno della Digos milanese, è stato incaricato della direzione di attività investigative finalizzate al contrasto e alla repressione sia di fenomeni eversivi interni, sia di terrorismo internazionale. In questo periodo il nuovo questore vicario varesino è stato protagonista della cattura di latitanti in ambito europeo ed extracontinentale.

Di seguito diviene Funzionario del Centro Operativo di Milano della Direzione Investigativa Antimafia, occupandosi di fenomeni criminali di matrice prevalentemente straniera (russa, cinese ed albanese). In particolare diviene responsabile di indagini internazionali antidroga nei confronti di gruppi criminali albanesi ed antiriciclaggio nei confronti di esponenti di organizzazioni mafiose russe, attività caratterizzata dalla promozione e gestione di rapporti di collaborazione con svariate forze di polizia europee ed americane. Dopo una parentesi quale collaboratore del Sismi, viene nominato dirigente del Commissariato Distaccato di polizia di Stato “Rho-Pero” della Questura di Milano.

Successivamente Mazza è stato trasferito alla Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, al Ministero degli Affari Esteri e poi è nominato Esperto Antidroga presso l’Ambasciata d’Italia in Venezuela, con competenza sul Venezuela, ma anche su Cuba, Antille Francesi, Antille Olandesi, Barbados, Dominica, Grenada, Guyana, Suriname, Saint Lucia, Saint Vincent & Grenadine, Trinidad & Tobago.

In questa circostanza ha assunto la funzione di membro della delegazione negoziatrice dell’Accordo di cooperazione tra il Governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela ed il Governo della Repubblica Italiana, in materia di prevenzione e contrasto al traffico illecito di stupefacenti, sostanze psicotrope e precursori chimici, nonché membro della delegazione negoziatrice dell’Accordo di collaborazione di Polizia tra la Repubblica di Cuba e la Repubblica Italiana.

Responsabile di indagini conclusesi con l’arresto in Venezuela di latitanti ricercati in ambito internazionale per associazione mafiosa e traffico di stupefacenti, diventa presidente, dal marzo 2011 al marzo 2013, di Codev, la Comunidad de Oficiales de Enlace en Venezuela – Comunità degli ufficiali di collegamento in Venezuela, organizzazione professionale composta dagli addetti di Polizia delle Ambasciate presenti nel Paese e Commissioni accreditate che si dedicano al contrasto al traffico di stupefacenti e alla lotta contro qualsiasi forma di criminalità.

Nell’aprile 2013 assume l’incarico di dirigente della Divisione Anticrimine e dirigente supplente della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Vercelli e poi dirigente della Divisione Anticrimine della Questura di Verona. Nel febbraio 2015 diviene Capo di Gabinetto della Questura di Verona. Nel settembre 2017 viene nominato Vicario del Questore di Lecco e dal 6 luglio è Vicario del Questore di Varese.

Mazza durante la sua carriera ha frequentato diversi corsi specialistici, tra i quali il “1° Corso sperimentale per la formazione di negoziatori in occasione di presa di ostaggi”, organizzato all’Istituto Superiore di Polizia dalla Direzione Centrale Polizia di Prevenzione e dall’F.B.I. statunitense, il corso per “Responsabili Unità sotto copertura” organizzato dalla Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, organizzando nel marzo 2009, per conto del Ministero degli Affari Esteri  e della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga, il corso “Antisequestro per le Forze di Polizia e organismi d’Intelligence venezuelani - C.I.C.P.C. (Cuerpo de Investigaciones Científicas, Penales y Criminalísticas), Guardia Nacional Bolivariana e D.I.S.I.P. (Dirección de los Servicios de Inteligencia y Prevención)” tenutosi a Caracas. 

 

Tra i vari riconoscimenti avuti durante la carriera vi è quello per la cattura a Parigi di Angelo IZZO, evaso dal carcere di Alessandria e la cattura a Panama di Gianni GUIDO, entrambi responsabili della strage del Circeo, latitante dal 1985 ed evaso dal carcere di Buenos Aires. E’stato insignito della onorificenza dell’Honor al Mérito, concesso dal Comando della Dirección de Procesamiento de Información Delictual della Guardia Nacional Bolivariana del Venezuela. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore