/ Territorio

Territorio | 28 giugno 2020, 16:00

FOTO. Nel cielo del monte Poncione e nell'acqua del Ceresio riflessi la bellezza e l'orgoglio della nostra terra

Uno straordinario e spontaneo spot naturale di come si possa godere il territorio di una domenica d'inizio estate arriva da Max Laudadio, impegnato nei lavori alla Croce sul Poncione, e dal sindaco Chiara Catella che ha partecipato a un'edizione simbolica e diversa della processione delle barche

La foto d'apertura e quelle della gallery sono state postate sul profilo Facebook da Max Laudadio e dal sindaco di Cantello, Chiara Catella

La foto d'apertura e quelle della gallery sono state postate sul profilo Facebook da Max Laudadio e dal sindaco di Cantello, Chiara Catella

L'acqua e il cielo targati Varese sono uno spettacolo. Metti due nomi conosciuti, ma anche due persone che vivono con assoluta normalità una domenica d'inizio estate sul territorio, con un fine davvero speciale motivato da solidarietà e passione, ed ecco che basta qualche foto per illustrare l'unicità, sull'acqua e nel cielo, della nostra provincia.

Max Laudadio questa mattina è tornato sul monte Poncione, nei comuni di Valganna e Cuasso al Monte, per una manutenzione della grande croce nel Parco Naturale delle 5 vette. «Ottimo e faticoso lavoro gestito, come sempre, da Associazione On - scrive Max, inviato di Striscia e infaticabile promotore di iniziative di supporto al territorio oltreché, quando è il caso, di denunce sempre puntuali - Abbiamo cambiato alcune luci e qualche pannello che si era rotto con le intemperie dei giorni scorsi. Grazie a Massimiliano (insostituibile uomo della croce), Elisa e Marco (elettricista mitico)».

Dal cielo alle acque del Ceresio dove Chiara Catella, sindaco di Cantello, insieme al primo cittadino di Brusimpiano, Fabio Zucconelli, ha partecipato a un'edizione simbolica, molto diversa dal solito ma non meno significativa, della storica processione delle barche sul Ceresio in occasione della ricorrenza dei santi Pietro e Paolo di Ponte Tresa, guidata dal sindaco di Ponte Massimo Mastromarino: dopo il Covid e l'alluvione, l'uscita sul lago con le statue dei santi è davvero un segnale di speranza e unione, oltreché l'emblema di cosa significano le parole radici e tradizione.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore