/ Sport

Sport | 25 giugno 2020, 14:05

Calcetto e sport da contatto, telenovela all'italiana: il Comitato Tecnico Scientifico dice no, riparte solo la Puglia

Sì, no, forse: continua la battaglia istituzionale sulla ripresa di calcetto, basket, pallavolo, arti marziali e di tutti gli altri sport da contatto. Il ministro Spadafora aveva caldeggiato la ripresa da oggi, prima del parere contrario del Comitato Tecnico Scientifico

Calcetto e sport da contatto, telenovela all'italiana: il Comitato Tecnico Scientifico dice no, riparte solo la Puglia

E' battaglia istituzionale in merito alla ripresa degli sport da contatto.

Il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, aveva caldeggiato la ripresa già dalla giornata odierna, prima del parere contrario, arrivato nel tardo pomeriggio di ieri, da parte del Comitato Tecnico Scientifico.

“Si conferma - si legge nella nota del CTS - che in considerazione dell’attuale situazione epidemiologica nazionale con il persistente rischio di ripresa della trasmissione virale in cluster determinati da aggregazioni certe come negli sport da contatto, debbano essere rispettate le prescrizioni relative al distanziamento fisico e alla protezione individuale”.

Al momento non vi è una data per la riapertura dei numerosi impianti, tranne che in Puglia, dove il governatore Emiliano, tramite un'ordinanza regionale, ha dato il proprio assenso alla ripresa dell'attività sportiva.

«Gli amanti del calcetto, del basket, della pallavolo, delle arti marziali e di tutti gli altri sport di contatto potranno riprendere a praticare le rispettive attività in base alle linee guida allegate all’ordinanza. Il provvedimento - conferma il presidente della regione Puglia -  è stato possibile grazie al basso rischio nell’andamento dell’epidemia nella nostra regione, come accertato dal dipartimento Promozione della Salute e confermato dall’ultimo report del responsabile del coordinamento emergenze epidemiologiche»


Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore