/ Politica

Politica | 25 giugno 2020, 13:52

Malpensa, Astuti (Pd): «Urge un piano d'area nuovo, quello attuale è scaduto nel 2009»

Questa mattina i presidenti e direttori generali di SACBO S.p.A. e SEA S.p.A. hanno proposto alla Regione di concentrare tutto il traffico del bacino aeroportuale milanese sul Terminal 1 di Malpensa

Malpensa, Astuti (Pd): «Urge un piano d'area nuovo, quello attuale è scaduto nel 2009»

Questa mattina in commissione Trasporti del consiglio regionale si è tenuta un’audizione con i presidenti e direttori generali di SACBO S.p.A. e SEA S.p.A. in merito alla situazione del trasporto aereo a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19.

«L’aeroporto di Malpensa è un asset fondamentale per la nostra regione e in maniera particolare per la nostra provincia», commenta il consigliere del Pd Samuele Astuti che ha partecipato all’incontro da cui è emersa «una forte preoccupazione sia per l’impatto occupazionale diretto, che coinvolge il settore dei trasporti, sia per quello indiretto che invece interessa tutti i settori collegati, come il turismo e il commercio».

«Saranno determinanti, in prospettiva, i nuovi scenari del settore delle compagnie aeree, come i fallimenti, le nuove acquisizioni ecc… - sottolinea Astuti e incalza - In questo momento di scarse risorse è stata ottima l’idea di SEA di concentrare tutto il traffico del bacino aeroportuale milanese esclusivamente sul Terminal 1 di Malpensa, ma ora è giunto il momento che tutti gli attori interessati, dalla Regione alla Provincia ai comuni ai sindacati e alle associazioni datoriali, siedano a un tavolo per iniziare a lavorare a un piano d’area nuovo, dato che quello vecchio è scaduto nel 2009. Nel frattempo, bisogna dare immediata attuazione agli interventi infrastrutturali e di mitigazione ambientale già definiti come prioritari nel piano d’area scaduto, così come chiesto dai sindaci del CUV al Presidente di Regione Lombardia nel 2018».

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore