/ Sport

Sport | 19 giugno 2020, 15:08

«Gattuso sta facendo quello che ha fatto da giocatore: non molla mai e cresce. Potrà diventare un grande allenatore»

Il giornalista Cristiano Ruiu, tifoso rossonero, commenta la vittoria della Coppa Italia del Napoli e del suo allenatore: «Ho seguito la partita con un amico napoletano e alla fine ho esultato come se avesse vinto il Milan»

«Gattuso sta facendo quello che ha fatto da giocatore: non molla mai e cresce. Potrà diventare un grande allenatore»

«Ho seguito la partita con un amico napoletano e alla fine ho esultato come se avesse vinto il Milan». Rino Gattuso da Gallarate è rimasto nel cuore dei tifosi rossoneri e se lo dice uno come Cristiano Ruiu, il popolare opinionista televisivo, beh allora c'è da credergli. Soprattutto c'è da credere al fatto che il sentimento di Ruiu sia piuttosto condiviso tra quelli che amano i colori del Diavolo.

Gattuso a Napoli non ha intaccato l'amore dei suoi ex sostenitori. «Da parte mia - ha detto il giornalista - non c'è alcun rammarico o rimpianto semplicemente perché al Milan non c'erano le condizioni ideali e l'ambiente giusto perché lui potesse esprimersi al meglio. Condizioni che invece ha trovato a Napoli con De Laurentiis che è il Deus ex machina del Napoli. Quando decise di andare via dal Milan mi preoccupai tantissimo: se uno come Rino decide di arrendersi, pensai, non c'è da stare allegri e infatti quello di quest'anno è stato poi il conseguente risultato».

«Lui - ha aggiunto - ha fatto il miracolo di tenere Milanello unito. Dal punto di vista umano è sempre stato speciale anche quando era calciatore, ma comunque il cambiamento da giocatore ad allenatore c'è stato. Ha una pacatezza e una maturità che da giocatore non aveva. E continua a crescere. La determinazione di non mollare mai ce l'ha sempre avuta ed è stata certamente la caratteristica specifica che lo ha accompagnato da giocatore e poi da allenatore».

Gattuso corre sempre più veloce. Migliorava in modo mostruoso quando era giocatore, sta decollando anche come allenatore: «In pochi anni aveva acquistato un bagaglio tecnico impensabile per chi lo aveva visto all'inizio della carriera. Ma questa grande voglia di non mollare lo ha fatto costantemente migliorare. E lo stesso sta accadendo ora da allenatore. Diventerà un grande allenatore? Se i miglioramenti saranno evidenti com'è successo quando faceva il calciatore, perché no? Adesso sa organizzare alla grande la difesa. Per fare il salto di qualità deve migliorare nella proposizione del gioco. Chissà che magari tra qualche anno con una nuova proprietà Gattuso non possa tornare al Milan».

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore