/ Eventi

Eventi | 13 giugno 2020, 12:00

‘ITALIA. Sguardi d’Autore’: viaggio ideale nella bellezza a Villa Cicogna

Riparte sabato l’attività culturale di Busto Arsizio dopo il lockdown imposto dalla pandemia con una mostra fotografica dedicata all’Italia, organizzata dall’amministrazione comunale e dall’Archivio Fotografico Italiano.

‘ITALIA. Sguardi d’Autore’: viaggio ideale nella bellezza a Villa Cicogna

Con il conforto dei numeri già registrati dall’anteprima post Covid affidata alla mostra di Massimo Sestini, Palazzo Marliani Cicogna accoglierà dal 13 giugno al 26 luglio una mostra fotografica dedicata all’Italia, organizzata dall’amministrazione comunale e dall’Archivio Fotografico Italiano.

‘ITALIA. Sguardi d’Autore’, questo il titolo della rassegna, metterà in evidenza il paesaggio italiano e i suoi ambienti più belli, tra passato e presente, con un approccio interpretativo, ma anche affettivo. «Oltre a rappresentare il ritorno della cultura dal vivo dopo l'emergenza sanitaria, peraltro già anticipato dalla mostra di Sestini, 'Italia. Sguardi d'autore' rappresenta anche idealmente il viaggio nel nostro Paese fino a poche settimane fa precluso e che molti quest'anno non riusciranno comunque a intraprendere - commenta la vicesindaco e assessore alla Cultura Manuela Maffioli - Un modo per riappropriarsi della bellezza che ci circonda, partendo da Busto fino a raggiungere mete lontane. Consapevoli che la bellezza, e la cultura che la veicola, possono essere un potente lenitivo alle ferite dell'anima, certamente un medicamento utile dopo il buio che ognuno di noi, a modo suo, ha dovuto affrontare nei mesi scorsi».

Da giovedì a sabato la mostra resterà aperta fino alle 23 per permetterne la fruizione nelle ore meno calde e soprattutto per invitare la cittadinanza a uscire di casa dopo cena: una proposta alternativa alla serata davanti alla televisione che si spera possa portare anche tanti cittadini a fare quattro passi in centro e a riappropriarsi della città rimasta vuota per mesi.

Al termine del percorso espositivo sarà presentata una selezione di fotografie, tratte dall’archivio di Lanfranco Bonanomi, donato al comune  nel 2018. Il fondo, composto da circa 4000 fotografie, è in corso di catalogazione  a cura  del Settore Musei. In mostra saranno esposte vedute di alcune località italiane, da Venezia, ai laghi, alla campagna, ai litorali.

ITALIA. Sguardi d’Autore
Mostra fotografica dalla collezione Afi

Scheda della mostra a cura di Claudio Argentiero/Afi
La mostra, composta da immagini fine art provenienti dalla collezione dell’Archivio Fotografico Italiano, di cui molte inedite stampate per l’occasione, intende ripercorrere un lasso di tempo che dal neorealismo dell’immediato dopoguerra, giunge ai giorni nostri attraverso un immaginario visivo che i tanti autori, con stili differenti, hanno rappresentato dal nord al sud dell’Italia. Le fotografie in mostra sono lontane dal sensazionalismo, sono semplici, ma nel contempo coinvolgenti, e ritrovano nell’armonia dei luoghi il rapporto tra uomo e ambiente, suggerendo una chiave di lettura raffinata per un viaggio visivo in alcune regioni del Belpaese. L’iniziativa non intende rappresentare in modo sistematico e metodico ogni regione d'Italia, ma piuttosto offrire spunti di riflessione sul paesaggio, l’architettura e la vita quotidiana con un approccio autoriale, dalla grammatica interpretativa che si palesa attraverso la luce. Il paesaggio viene rappresentato a colori e in bianco e nero, cogliendo sfumature e grafismi che l’attenta composizione rende armoniosi, eleganti e senza tempo. Anche le cornici e i formati sono differenti, nel rispetto della scelta dei singoli autori, come sintesi della rappresentazione compiuta dagli stessi nei rispettivi progetti. Alcuni di carattere più sognante, altri in dialogo con forme e spazio, taluni prediligendo la quotidianità e il paesaggio umano. Differenti percezioni che si amalgamo per far affiorare la bellezza intrinseca dei luoghi che si rapportano con la storia e le tradizioni, esaltando la magnificenza dei territori. Una ricchezza culturale rintracciabile nell’archeologia industriale, nelle vecchie case a ringhiera milanesi, negli scenari naturali delle montagne, lungo le bianche spiagge marine, negli stretti vicoli dei borghi, nelle vedute urbane e nei siti Unesco, riconosciuti universalmente, rinvenendo l’unicità di un Paese, l’Italia, che dal passato ha assorbito vitalità e inventiva, nel presente ha conservato identità e tradizioni, nel futuro, speriamo, vivrà di grazia, quella che ogni giorno, in ogni piccolo o grande paese, ci vezzeggia e conforta. Una storia dunque di sapere e pensiero, dove l’occhio si sofferma ad attendere i bagliori, mitigando le emozioni, discretamente, oppure più celermente coglie uno sguardo che il tempo non attenua, ma lo conserva nel registro della reminiscenza, riportandolo al nostro cospetto. Una selezione di fotografie vintage di Carlo Tancredi dedicata a Busto Arsizio offrirà l’occasione per cogliere le trasformazioni avvenute in una città a noi vicina, e sarà un omaggio per chi da anni crede e sostiene il patrimonio fotografico custodito. L’esposizione apre poi con un’immagine icona di Mario Giacomelli, dalla serie i Pretini, riconosciuta, preziosa e amata in tutto il mondo da collezionisti e addetti ai lavori; prosegue con le autorevoli fotografie di Elio Ciol, Giuseppe Leone e Virgilio Carnisio, autori che hanno raccontato con piglio antropologico gli anni ‘60 e ‘70 della nostra Italia; altre sale ospitano sguardi più contemporanei come quelli di Luca Capuano, insigne autore che ha raccontato i siti dell’UNESCO, e poi Mario Vidor, Paolo Simonazzi, Maurizio Galimberti, Marco Introini, Duccio Nacci, noti nel panorama internazionale e ancora non meno importanti altri che vi invitiamo a scoprire, estrapolati dai vari volumi pubblicati per la collana libri d'autore Afi. Non resta che lasciarci trasportare in un viaggio confidenziale, nella quiete amabile di un Museo, reso ancor più singolare in questo particolare momento che obbliga ad ingressi limitati e contingentati, e per questo più esclusivi, in silenzio, per condividere passioni ed emozioni attraverso la fotografia, o meglio l’arte dello sguardo.

Palazzo Marliani Cicogna – Piazza Vittorio Emanuele II 13 giugno 2020 – 26 luglio 2020

apertura sabato 13 giugno alle 17.00 fino alle 23.00 martedì e mercoledì 16-19 / da giovedì a sabato 10-13/17-23 / domenica 16-19 Ingresso libero.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore