Elezioni comune di Varese

 / Calcio

Calcio | 13 giugno 2020, 10:10

LA MIA SERIE B. Ci scrivono i tifosi nel decimo anniversario del "Miracolo a Varese". Adam: «Era tutto scritto»

«Il dio del pallone pose lo sguardo su di noi e l'esplosione di gioia fece piangere tutta la città»: il 13 giugno 2010 il Varese tornava in serie B dopo 25 anni e i tifosi non possono dimenticare

La bolgia dei settemila in delirio al Franco Ossola per la serie B nella foto di Ezio Macchi

La bolgia dei settemila in delirio al Franco Ossola per la serie B nella foto di Ezio Macchi

Enrico Adam Crippa ci scrive nel decimo anniversario della promozione in serie B del Varese che abbiamo onorato intervistando il papà di quella scalata, Sean Sogliano (leggi QUI). Ecco la sua, indimenticabile serie B.

Era la notte del 12 giugno 2010, erano quasi le 3 del mattino ed non riuscivo ad addormentarmi. Una vecchia sveglia sul comodino accanto al mio letto continuava il suo inesorabile tic tac ma la mia mente rievocava ogni momento degli ultimi 25 anni vissuto al Franco Ossola in ogni settore. Il giorno tanto atteso si stava avvicinando e mi ripetevo di stare tranquillo perché, come aveva detto per tutto l’anno il mister, “è tutto scritto”.

La mattina del 13 giugno era finalmente arrivata dopo una notte passata in bianco, dentro di me saliva la tensione e non riuscivo a toccare cibo. Mancavano tre ore all’inizio della partita e, così come ogni domenica, ho detto: «Papà fai come me, vestiti in biancorosso e andiamo che la “battaglia” ci attende».

Durante il percorso verso lo stadio in macchina c’era un silenzio surreale tra noi due, arrivati al parcheggio vidi una marea di gente ed è stata subito una grande emozione! Appena aperti i cancelli della tribuna, dal “mio posto“ mi sono goduto il solito giro di campo del mister.

Finito il giro di campo mi si era avvicinato uno steward chiedendomi per motivi di sicurezza di sedere sul seggiolino assegnato: mi rifiutai perché per superstizione ero stato seduto per tutta la stagione sull’ultimo gradino delle scalette, e così avrei continuato a fare. Il mister, nonostante osservasse pensieroso il riscaldamento dei suoi giocatori, aveva sentito la mia discussione ed alzando un braccio, aveva indicato allo steward di lasciarmi sedere sul mio gradino!

La partita era iniziata, ed i miei idoli stavano lottando su ogni pallone, il nostro mister in panchina era un leone in gabbia ed il cuore mi batteva in gola perché avevamo solo un risultato a disposizione: la vittoria. Mancavano poco più di 10 minuti alla fine ed il risultato non si schiodava da quel maledetto 0-0, con lo stadio quasi ammutolito. Ma un amico mi dava conforto dicendomi: adesso il Varese fa gol... 5 secondi ed la sua profezia si avverò. La palla finisce in rete e l’esplosione di gioia fu devastante, tanto che gli avversari furono quasi “intimoriti”.

Gli ultimi istanti di partita erano diventati sempre più roventi, al Franco Ossola si era scatenato l’inferno, il nostro mister era stato espulso: con l'1-0 saremmo andati ai supplementari e senza il nostro timoniere in panchina c’era il rischio di perdere la Bussola. Ma non fu così perché a dirigere la squadra c'era il direttore, colui che aveva costruito il Varese.

A
ll’improvviso il dio del pallone decise di porre lo squardo su di noi: l’arbitro ci aveva assegnato un calcio di rigore! Quel pallone era davvero incandescente, ma finì nuovamente in rete: 2-0!!! In quel momento iniziarono a scendere lacrime di gioia, non so come mi ero ritrovato dalla tribuna al manto erboso! Un sogno chiamato serie B era diventato realtà!
Grazie a mister Beppe Sannino ed al direttore Sean Sogliano questa data resterà indelebile per sempre nel mio cuore.
Enrico Adam Crippa

Redazione


Vuoi rimanere informato sul Varese e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 340 4631748
- inviare un messaggio con il testo VARESE CALCIO
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
VareseNoi.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP VARESE CALCIO sempre al numero 0039 340 4631748.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore