/ Territorio

Territorio | 12 giugno 2020, 14:36

A Porto Valtravaglia si continua a combattere contro fango e detriti dell'alluvione

Tanti i cantieri al lavoro in paese, da Muceno a Ligurno, da Musadino a Domo. Il sindaco Colombaroli: «Gli interventi proseguiranno nelle prossime ore nella speranza di un tempo più clemente, siamo in contatto con gli enti competenti per valutare i prossimi passi».

A Porto Valtravaglia si continua a combattere contro fango e detriti dell'alluvione

Sono tanti i cantieri aperti a Porto Valtravaglia finalizzati a mettere in sicurezza e a ripulire il paese da fango e detriti portati dall'alluvione di domenica. 

L'amministrazione comunale guidata dal sindaco Ermes Colombaroli ha fatto il punto della situazione sui vari interventi in corso che proseguiranno nei prossimi giorni, sperando che il meteo non faccia altri brutti scherzi. 

«A Muceno paese è stato ripristinato il corso del torrente, pulito il centro storico, data assistenza agli abitanti per sgombro ingombranti e pulizie varie, in via Pezza è stato liberata l'ostruzione al tubo rotto che incanala il torrente, sono stati puliti con Eco Spurghi i tombini adiacenti e pulita tutta la zona e data assistenza agli abitanti» spiegano dal Comune.

In via Muceno è stato risolto con Eco Spurghi il tratto intasato della fogna, è stato ripristinato il tombino mentre un secondo verrà sistemato nei prossimi giorni, è stata pulita tutta la via da detriti, legni e fango.

A Ligurno zona bacino è stata rimossa la frana e liberata la strada, a Ligurno strada consorziale è in corso la sistemazione del manto stradale, creazione di canali di scolo dell'acqua, pulizia delle griglie per poter consentire l'accesso alle case rimaste isolate.

A Musadino in zona torrente è stato sistemato il corso del torrente con spostamento di sassi e detriti, è stata chiusa una grande voragine in prossimità dell'accesso di una strada privata, è stata messa in sicurezza la zona.

A Domo zona Maglio è stata pulita la zona adiacente ad un reticolo minore, sono state tagliate e rimosse diverse piante che rendevano pericoloso il deflusso dell'acqua, mentre in via Muceno zona Corbellini è stato pulito e sistemato l' entrata di un reticolo minore nel torrente Muceno, completamente ostruito da legna e sassi. In via Muceno zona Nardelli, infine, è stato pulito lo scarico di un reticolo minore completamente ostruito e a Porto passeggiata "dei cavedani" è in corso la pulizia della passeggiata completamente ricoperta di legna e tronchi.

«Altri lavori ed interventi proseguiranno nelle prossime ore nella speranza di un tempo più clemente - afferma il sindaco Ermes Colombaroli - alcuni dei lavori eseguiti in queste ore sono solo di messa in sicurezza e ripristino della viabilità, non sono lavori definitivi in quanto le opere saranno impegnative sia in termini di costi che di progettazione e ci si aspetta un sostegno da parte della regione Lombardia. Negli scorsi giorni abbiamo effettuato diversi sopralluoghi con tecnici, ingegneri e un geologo per capire come intervenire e valutare i danni e le cause, inoltre sono state già inviate in regione Lombardia tutte le schede RA.s.DA che identificano gli incidenti e le valutazioni dei danni. Attualmente l'amministrazione comunale è in stretto contatto con gli enti competenti per valutare i prossimi passi. Un ringraziamento particolare va alle imprese locali utilizzate per l'emergenza calamitosa, le quali hanno dato subito la loro disponibilità e sono intervenute su tutto il territorio con professionalità e massima urgenza». 

M. Fon.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore