/ Salute

Salute | 08 giugno 2020, 12:52

Coronavirus e superfici
: i consigli di Fab SMS per proteggersi al meglio

Coronavirus e superfici
: i consigli di Fab SMS per proteggersi al meglio

Quanto resiste il Coronavirus sulle superfici? Ecco una delle domande più frequenti che, in questo momento di emergenza, ci facciamo spesso, nel tentativo di difendere la nostra salute e quella dei nostri cari. Per questo noi di Fab SMS abbiamo pensato di prendere spunto dalle raccomandazioni del Ministero della Salute e diffondere il più possibile informazioni provenienti da fonti autorevoli e certe allo scopo di fare chiarezza.

Quanto tempo sopravvive il Coronavirus sulle superfici? Stando alle indicazioni del Ministero della salute, al momento non vi sono evidenze scientifiche che indichino con esattezza il tempo di sopravvivenza del virus sulle superfici. Il rapporto dell'Istituto superiore di sanità e la circolare del 22 maggio 2020 del Ministero della Salute riportano i tempi di rilevazione di particelle virali variabili da alcune ore (ad es. sulla carta) fino a diversi giorni (ad es. sulla plastica e l’acciaio inossidabile). Tuttavia, i dati attualmente disponibili sono generati da condizioni sperimentali e devono essere interpretati con cautela.

Come pulire le superfici? L’utilizzo di semplici disinfettanti contenenti alcol (etanolo) o ipoclorito di sodio (candeggina/varechina) è in grado di uccidere il virus annullando la sua capacità di infettare. Ricorda di pulire gli oggetti che usi frequentemente (telefono cellulare, auricolari, microfono) con acqua e sapone poi di disinfettarli, tenendo conto delle indicazioni fornite dal produttore.

Che differenza c'è tra sanificazione, disinfezione e igienizzazione? La sanificazione è un “complesso di procedimenti e operazioni” di pulizia e/o disinfezione e comprende il mantenimento della buona qualità dell’aria anche con il ricambio d’aria in tutti gli ambienti. La disinfezione è un trattamento per abbattere la carica microbica di ambienti, superfici e materiali e va effettuata utilizzando prodotti disinfettanti (biocidi o presidi medico chirurgici) autorizzati dal Ministero della Salute. Per igienizzazione dell’ambiente si intende la detersione allo scopo di renderlo igienico, eliminando le sostanze nocive presenti. I prodotti senza l’indicazione dell’autorizzazione del Ministero della Salute che riportano in etichetta diciture come “contro germi e batteri”, in realtà non sono prodotti con attività disinfettante dimostrata, ma semplici detergenti.

È necessaria una pulizia delle strade con disinfettanti? Secondo il Ministero della Salute, non ci sono evidenze che le superfici calpestabili siano coinvolte nella trasmissione del virus. Mentre viene consigliata l’ordinaria pulizia delle strade con saponi/detergenti, si sottolinea che l’uso di ipoclorito di sodio potrebbe avere ricadute negative sull’ambiente.

Quali sono le indicazioni per la disinfezione delle mani? Il lavaggio delle mani è un’azione imprescindibile, anche per salvaguardare l’igiene delle superfici e degli oggetti di uso comune. In particolare, lava le mani dopo aver frequentato luoghi pubblici, maneggiato la spazzatura, utilizzato i soldi e toccato altre persone. Ma anche prima e dopo aver maneggiato gli alimenti, soprattutto se crudi, usato i servizi igienici, toccato/medicato una ferita, cambiato il pannnolino a un bambino, toccato una persona malata e un animale. L’ideale è utilizzare il comune sapone e frizionare le mani per almeno 60 secondi. In assenza di acqua e sapone, puoi ricorrere a una soluzione idroalcolica, i cosiddetti igienizzanti per le mani, da utilizzare per almeno 20-30 secondi e sulla pelle asciutta.

Fab SMS promuove attivamente la cultura del benessere e realizza Piani Mutualistici su misura per te e per i tuoi cari. Seguici su Instagram e Facebook e clicca qui per scoprire di più: Chi siamo.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore