/ Varese

Varese | 25 maggio 2020, 07:00

Colazione in dono per medici, infermieri, operatori socio sanitari e della ProCiv: il grazie di McDonald's

Da oggi fino a domenica 7 giugno chi ha affrontato in prima linea il Coronavirus potrà ricevere gratuitamente un menù espresso o un menù cappuccino mostrando il badge. Aderiscono all'iniziativa anche i ristoranti di Varese, Solbiate Arno, Malnate e Induno Olona

Colazione in dono per medici, infermieri, operatori socio sanitari e della ProCiv: il grazie di McDonald's

"Thank you days", i "giorni del grazie". McDonald's ha scelto questo nome per la sua nuova iniziativa, lanciata oggi (lunedì 25 maggio) e valida fino a domenica 7 giugno: in queste due settimane tutti gli operatori che hanno affrontato e stanno affrontando l'emergenza Coronavirus in prima linea - medici, infermieri, operatori socio sanitari e della Protezione Civile - potranno passare in uno dei ristoranti della "grande M" e ricevere in regalo un menù colazione

«GRAZIE! - si legge sul sito ufficiale McDonald's - Con un piccolo gesto vogliamo dire grazie a tutti i medici, gli infermieri, gli operatori socio sanitari e gli operatori della Protezione Civile che, in prima linea, affrontano l’emergenza. Siamo felici di offrire la colazione a ognuno di voi. Insieme si possono fare grandi cose: ce l'hanno dimostrato i professionisti che, con il loro impegno, hanno aiutato l'Italia a ripartire».

I "guerrieri" che hanno affrontato in trincea il covid-19 potranno scegliere tra il menù Espresso e il menù Cappuccino: entrambi comprendono un croissant (vuoto, marmellata, crema, cereali e frutti di bosco, integrale, Re Cacao, Nocciolone, treccia alla crema) e una bevanda a scelta tra caffè espresso, caffè americano o cappuccino: basterà mostrare il badge ospedaliero o della ProCiv. 

All'iniziativa aderiscono tutti i ristoranti dell'area varesina: Varese centro, Varese Masnago, Solbiate Arno, Malnate, Induno Olona.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore