/ Varese

Varese | 21 maggio 2020, 16:00

Coronavirus, chiude un altro presidio Covid all'ospedale di Circolo di Varese

Allestito nel reparto Malattie Infettive diretto dal professor Paolo Grossi, il piano dedicato alla cura dei pazienti Covid positivi è stato dismesso e sanificato. Al Circolo resta operativo solo il terzo piano del Monoblocco deputato ad Hub Covid.

Coronavirus, chiude un altro presidio Covid all'ospedale di Circolo di Varese

Il reparto di Malattie Infettive, diretto dal professor Paolo Grossi, è stato uno dei primi ad accogliere i pazienti affetti da Covid-19 all'Ospedale di Circolo di Varese. Lo ha fatto raddoppiando il numero di posti letto disponibili, rapidamente passati da 15 a 30, e ancora di più l'impegno del personale, la cui assistenza è stata molto apprezzata dai pazienti, come hanno dimostrato le tantissime manifestazioni di riconoscenza indirizzate proprio all'équipe del Prof. Grossi.

Da domani, il reparto cerca di tornare almeno in parte alla normalità: un intero piano, il secondo, infatti, si è svuotato e, terminata la disinfezione degli ambienti, è pronto per tornare ad accogliere quei pazienti che hanno bisogno di un ricovero nel reparto di Malattie Infettive a causa di patologie che nulla hanno a che vedere con il Sars- CoV 2.

I pazienti affetti da Covid-19 restano invece ricoverati al terzo piano del padiglione, che continuerà ad assolvere alla funzione di sezione Covid del reparto di Malattie Infettive. L'Ospedale di Circolo, infatti, è stato riconosciuto quale Hub Covid, un Ospedale cioè chiamato da Regione Lombardia a mantenere una quota parte della propria dotazione di posti letto per i pazienti positivi al nuovo Coronavirus provenienti da un'area più ampia rispetto al bacino di riferimento proprio dell'ASST dei Sette Laghi.

Questi posti letto, un centinaio in totale, sono distribuiti tra Malattie Infettive, Terapie Intensive e il vero e proprio Hub Covid di una cinquantina di posti al terzo piano del Monoblocco.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore