/ Cronaca

Cronaca | 21 maggio 2020, 10:50

Con i documenti falsi truffa una concessionaria d'auto: varesino finisce ai Miogni

Un uomo di 49 anni arrestato dai carabinieri di Varese per truffa continuata. In casa i militari hanno trovato documenti d’identità falsificati e varia documentazione contabile prova di analoghe attività illecite

Con i documenti falsi truffa una concessionaria d'auto: varesino finisce ai Miogni

Truffa una concessionaria d'auto usando documenti falsi, varesino arrestato. Nella giornata di ieri, i carabinieri del Stazione di Varese hanno arrestato in flagranza di reato un uomo di 49 anni, disoccupato già noto alle forze dell’ordine, con l'accusa di possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi e truffa continuata.

Secondo le accuse dei militari dell’Arma, arrivate a conclusione di attività investigativa nata dalla segnalazione di un responsabile di una concessionaria di autoveicoli di Varese, il 49enne, in concorso con altri complici, nel marzo del 1019 aveva messo in piedi una truffa in concessionaria, acquistando un’autovettura Toyota Yaris, del valore commerciale di 18.700 euro circa, mediante la stipulazione di un contratto di finanziamento con una società di credito saldando unicamente la prima rata ed assicurandosi indebitamente l’importo residuo di quasi 18.200 euro.

Al termine degli accertamenti, nella giornata di ieri i carabinieri hanno eseguito un decreto di perquisizione personale e locale delegato dalla Procura della Repubblica di Varese, rinvenendo all’interno dell’abitazione del disoccupato varesino vari documenti d’identità falsificati e varia documentazione contabile prova di analoghe attività illecite in corso.

Tutto il materiale rinvenuto è stato porto sotto sequestro dai militari. L'uomo finito in manette, al termine delle formalità di rito, è stato portato in carcere ai Miogni su disposizione dell’autorità giudiziaria in attesa dell’udienza di convalida.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore