/ Eventi

Eventi | 14 maggio 2020, 15:21

Safari Park rimanda l'apertura prevista per venerdì: «Grazie a chi ha sostenuto noi e i nostri animali»

Il grande parco sul lago Maggiore avrebbe dovuto riaprire venerdì 15 maggio, seguendo tutte le norme di protezione individuali e distanziamento. In serata la data per ricominciare l'attività è stata rinviata «a seguito di problemi tecnici indipendenti dalla nostra volontà»

L'elefantessa Maya, adottata a distanza, e Teddi aspettano i bambini al Safari Park Lago Maggiore

L'elefantessa Maya, adottata a distanza, e Teddi aspettano i bambini al Safari Park Lago Maggiore

AGGIORNAMENTO DELLE ORE 21 DI GIOVEDI' 14 MAGGIO 
Safari Park Lago Maggiore comunica che «a seguito di problemi tecnici indipendenti dalla nostra volontà, siamo costretti a rimandare la riapertura del Parco zoologico con tutte le annesse attività di qualche giorno, per allineamento alle disposizioni governative. Sarà nostra premura comunicare la nuova data».

Safari Park Lago Maggiore, a seguito delle disposizioni governative, riaprirà dunque al pubblico con un crono programma in data da destinarsi.

Come per ogni altra struttura aperta al pubblico, varranno - nel momento in cui ricomincerà l'attività - tutte le norme sull’utilizzo dei dispositivi di protezione individuali, sul distanziamento sociale e sui comportamenti più idonei da mantenere.

«Per tutelare la sicurezza dei visitatori, Safari Park ha comunque già predisposto nuove procedure che includono la regolare sanificazione e pulizie a ciclo periodico controllato delle aree frequentate con prodotti sanificanti,  provvedendo al reperimento di tutti i Dpi necessari per tutelare la salute dei lavoratori, istituendo controlli  e verifiche dei percorsi e spazi definiti con obbligo della mascherina e utilizzo dei guanti consigliato», ha dichiarato l’amministratore unico Enrico Dapoto che da settimane è al lavoro con tutte le squadre di sicurezza e prevenzione,  tutti i consulenti in materia ed è stato sempre in stretto contatto con autorità di comune e Regione per la messa a punto di un rigido protocollo in grado di essere flessibile in base alle variazioni disposizioni governative. La parola d’ordine è e sarà la sicurezza.

Il costo del biglietto di ingresso per gli adulti sarà fissato in 12 euro, e 10 euro il ridotto; sino a 3 anni e le persone con disabilità entreranno gratuitamente (acquistando il tagliando anche on-line sul sito www.safaripark.it ).

Da qualche giorno il parco ha lanciato un emozionante videomessaggio attraverso i canali social comunicando che per tutto il 2020, nel momento della riapertura, l’ingresso sarà gratuito per medici e infermieri che hanno coraggiosamente supportato il periodo di emergenza Covid-19. Un gesto di gratitudine dal quale non potevamo esimerci (sarà sufficiente mostrare il tesserino alle casse).

Link video: https://www.youtube.com/watch?v=cgjMKbocU4w

Safari Park intende rimanere un asset strategico per tutta la zona del Lago Maggiore, contando di ricevere anche in futuro un importante flusso di visitatori che contribuiranno così a sostenere anche l’indotto del territorio, auspicando di poter anche incontrare tutti gli amici che ci hanno sostenuto con l’acquisto anticipato del biglietto d’ingresso solidale SOS Safari.

La direzione del parco ringrazia tutte le aziende che hanno contribuito ad aiutare il parco con il progetto “Adozione a distanza” che già da alcuni anni è stato promosso per la contribuzione e sviluppo di progetti didattici e scientifici e che in fase di emergenza ha assunto un valore ancora più importante, ad oggi diversi animali sono stati adottati per un periodo di 12 mesi, grazie all’intraprendenza di aziende sensibili alla nostra Mission per la conservazione delle specie animali e della tutela ambientale.

Grazie a questo prezioso contributo avremo modo di acquisire ulteriore tempo per il riequilibrio finanziario del parco.

Insieme a 3G srl di Girompini di Borgo Ticino, GS Impianti srls di Pombia, GD2M sas di Marina Bagetto di Torino, Ixellion ou di Tallinn (Estonia), Studio Morino di Milano, Studio Masotti di Milano che hanno adottato Lemuri, Ibis e Tigri comunichiamo che anche l’elefantessa Maya è stata adottata a distanza dal Brand Teddi, del Gruppo Fattoria Scaldasole, che sosterrà il parco attraverso un pluriennale intervento programmatico.

Con il brand di yogurt biologici per bambini Teddi daremo il via ad una serie di iniziative di Edutainment rivolte a i bambini.

Questo progetto avrà l’orsetto Teddi e l’elefantessa Maya come protagonisti, grazie a loro contribuiremo a potenziare l’educazione come strumento imprescindibile dal divertimento per stimolare la proattività dei più piccoli coinvolgendoli in attività ludiche e a contatto con la natura e gli animali.  

Inizieremo con la condivisione sul sito di Teddi di una pagina dedicata all’elefantessa Maya e alla sua storia.

Quello che oggi auspica Safari Park è di poter tornare, in un tempo relativamente breve, a vedere i tanti sorrisi e sentire le molteplici grida di gioia dei bambini e dei loro genitori, che visiteranno le nostre aree faunistiche e le attrazioni.

«Contiamo presto di riaprire e rivedere in sicurezza i tanti amici, i gruppi di campeggiatori, i nonni e le famiglie - dice Orfeo Triberti in rappresentanza della proprietà del parco - e nel poter mettere ancora a disposizione il nostro inestimabile patrimonio verde, di un parco oggi nel pieno del suo germogliare di piante e fiori, della nostra primavera rappresentativa del prezioso territorio del Lago Maggiore»

Per aggiornamenti e dettagli informativi sulle attività del parco consultare sempre i canali ufficiali www.safaripark.it e i nostri canali social Facebook, Instagram e You Tube.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore