/ Opinioni

Che tempo fa

Cerca nel web

Opinioni | 04 maggio 2020, 07:29

L'OPINIONE. Il rispetto per chi non c’è più sia la nostra guida

Il memoriale dell'Eco di Bergamo ricorda una per una tutte le vittime del Coronavirus: un pugno che arriva dritto all'anima e fa riflettere. Soprattutto (da) oggi

L'intestazione del memoriale dell'Eco di Bergamo

L'intestazione del memoriale dell'Eco di Bergamo

Oggi si riparte. Non del tutto. Non tutti.

Abbiamo perso tante, tantissime persone. Nonni, genitori, figli, amici. Guardate questo video: è la registrazione dello schermo del cellulare, su cui scorre un elenco che sembra non finire mai; e questo elenco è il memoriale dell’Eco di Bergamo, lo storico giornale della città purtroppo simbolo di questa tragedia, che riporta tutti i nomi di chi non c’è più. Alla vita di ognuna delle persone di quella lista e di tutte le liste di tutti i necrologi di tutto il mondo, dobbiamo una cosa: rispetto.

Oggi si riparte. Godiamoci ciò che si può fare e rinunciamo a ciò che è meglio non fare; diamo valore a questa libertà, pur parziale, che ritroviamo. Pensiamo a chi ci sta vicino - ai nostri nonni, genitori, figli, amici, colleghi, conoscenti, sconosciuti - oltreché a noi. È retorico, ma non è retorica: possiamo rinascere diversi da questa tragedia.

Oggi si riparte. Meritiamocelo, con rispetto per la vita degli altri. E per quella di chi non c’è più.

Gabriele Gigi Galassi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore