Frontaliere Sicuro | 18 febbraio 2020, 07:00

Frontalieri e assicurazioni: per cosa si è coperti come lavoratori stranieri in Svizzera

I lavoratori frontalieri godono di un trattamento previdenziale differente rispetto ai colleghi italiani e sono assicurati principalmente per tre rischi legati al mestiere che svolgono.

Frontalieri e assicurazioni: per cosa si è coperti come lavoratori stranieri in Svizzera

Il fatto di lavorare in un paese diverso dall’Italia comporta il doversi adattare ad un trattamento previdenziale diverso da quello a cui siamo normalmente abituati, o almeno in parte.
Nel caso specifico della Svizzera, ogni lavoratore è assicurato principalmente per tre rischi.

PENSIONAMENTO
Nel momento del pensionamento (65 anni per gli uomini, 64 per le donne), viene meno il reddito da lavoro e questo comporta il versamento di una rendita mensile da parte dell’organo AVS (assicurazione vecchiaia e superstiti). Essendo cittadini Italiani, pero’, tale rendita viene versata allo stato Italiano che procederà con la tassazione e il versamento della medesima direttamente nello stato di residenza del lavoratore. Si aggiungerà a tale rendita anche il versamento della LPP, ovvero del secondo pilastro che è stato accumulato durante gli anni di attività.

DECESSO
La malattia o l’infortunio provoca il decesso e conseguenti perdite finanziarie importanti per la famiglia. Per questo motivo l’assicurazione sociale AVS verserà una rendita alla vedova e agli eventuali orfani ( se minori di 18 anni o se minori di 25 anni ma ancora in formazione). Anche in questo caso si aggiungerà il capitale o la rendita LPP versato direttamente dalla fondazione.

INVALIDITA’
Quando la malattia o l’infortunio provocano un’ incapacità lavorativa ed una perdita di guadagno temporanea o definitiva, a seconda del caso possono intervenire diverse assicurazioni: la LAINF o la IPG, copriranno la perdita di guadagno e le spese mediche sostenute, e la AI (assicurazione invalidità) interverrà con una rendita nel caso la problematica si prolunghi oltre 720 giorni.

Per tutte e tre le casistiche bisogna pero’ tenere conto di alcune differenze tra cittadini e residenti Svizzeri e i lavoratori con permesso G. I versamenti, le trattenute e le modalità di rimborso cambiano infatti a seconda che si sia frontalieri o meno.

Erika Besana

Leggi tutte le notizie di FRONTALIERE SICURO ›

Frontaliere Sicuro

Frontaliere Sicuro è il primo servizio dedicato al mondo del frontaliere che fornisce, ai lavoratori italiani in Svizzera, supporto per ogni esigenza e una corretta informazione in materia di fiscalità e previdenza.

Per farlo si avvale del sostegno di esperti professionisti che forniscono servizi di consulenza e assistenza frontalieri e che tra il 2018 e il 2019 hanno già effettuato un tour nei comuni di frontiera per un totale di circa 70 serate coinvolgendo attivamente circa 2000 frontalieri.

In questa rubrica, i fondatori di Frontaliere Sicuro condivideranno la loro esperienza e forniranno alcuni consigli sulle principali tematiche che interessano i lavoratori italiani occupati in Svizzera.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore