/ Varese

Varese | 09 gennaio 2020, 10:52

Il regalo del Sap ai bimbi dell'oncoematologia pediatrica: pupazzetti di cioccolato e donazione alla Fondazione Ascoli

Il piccolo, grande dono del sindacato autonomo di polizia ai bambini in cura all'ospedale Del Ponte

Il regalo del Sap ai bimbi dell'oncoematologia pediatrica: pupazzetti di cioccolato e donazione alla Fondazione Ascoli

Il Sindacato Autonomo di Polizia sostiene l’oncologia e l’ematologia pediatrica di Varese. Ieri i rappresentanti di SAP hanno fatto visita ai piccoli pazienti del Day Center Oncoematologico Pediatrico Giacomo Ascoli dell’ospedale del Ponte, portando pupazzetti di cioccolato e una donazione di 500 euro a favore della Fondazione Giacomo Ascoli di Varese

«Abbiamo voluto devolvere in beneficenza i fondi destinati ai gadget di fine anno - dichiara Cristian Sternativo, neo segretario del SAP -  Conoscendo l’attività della Fondazione Giacomo Ascoli, abbiamo coinvolto tutti i nostri iscritti per aiutare i bambini che quotidianamente hanno necessità di cure oncologiche specifiche all’Ospedale Filippo Del Ponte di Varese, perché quello che ruota attorno alla Polizia di Stato è anche questo, aiutare e stare vicini  ai più bisognosi»

Il Day Center Giacomo Ascoli, 700 metri quadri al quinto piano dell’ospedale del Ponte, è stato ristrutturato dalla Fondazione Giacomo Ascoli e inaugurato a febbraio 2019 per offrire un’assistenza specializzata e gli stessi protocolli di cura utilizzati dai migliori ospedali lombardi.
«Da alcuni tumori si può guarire -  dice la dottoressa Maddalena Marinoni, responsabile della Struttura Semplice Dipartimentale, Ospedale del Ponte - Dobbiamo sperimentare terapie sempre più innovative per trattare con maggior successo patologie oncologiche ad oggi ancora poco responsive alla chemioterapia classica. Per questo abbiamo bisogno di investire nella ricerca. I nuovi protocolli di cura nascono dalla ricerca internazionale».

Marco Ascoli, presidente della Fondazione, ha ringraziato e spiegato ai rappresentati del Sap i progetti realizzati in quattordici anni di attività e gli ambiziosi obiettivi futuri che prevedono la realizzazione di camere protette per la lunga degenza dei piccoli pazienti e un maggior sostegno per la ricerca scientifica. 

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore