Varese - 05 dicembre 2019, 08:30

L’Università di Birmingham studia la Lega e invia un ricercatore a Varese: «Qui gli attivisti sono persone normali che danno dignità»

Mattia Zulianello è in città per uno studio che vedrà i ricercatori dell’Università inglese impegnati nell’analisi della militanza in quattro realtà politiche europee. «Il sistema di partecipazione della Lega è tra i più sicuri ed efficienti. Il congresso del 21 può avere un forte impatto sulla base»

L’Università di Birmingham studia la Lega e invia un ricercatore a Varese: «Qui gli attivisti sono persone normali che danno dignità»

Mattia Zulianello ha 33 anni ed è un ricercatore del dipartimento di Scienze politiche e studi internazionale dell’università di Birmingham con diverse pubblicazioni alle spalle, tra articoli accademici e libri, e che ora è impegnato, insieme ad alcuni colleghi sparsi per l’Europa, in un progetto finanziato dall'ESRC (Il Consiglio per la ricerca economica e sociale): "La sopravvivenza del partito di massa: valutazione dell'attivismo e della partecipazione tra i partiti della destra radicale populista in Europa". 

Sono quattro le realtà politiche che la ricerca andrà ad analizzare: la Lega in Italia, l’Udc Svp in Svizzera, Vlaams Belang in Belgio e i Veri Finlandesi in Finlandia. «Per capire cosa spinge le persone a partecipare da attivisti alla vita politica  - spiega Zulianello - e quindi stabilire perché gli esponenti di un partito hanno a cuore il mantenimento della struttura organizzativa e, dall’altro lato della medaglia, il senso della militanza».

Zulianello intervisterà i militanti e i rappresentanti della Lega nelle sue roccaforti, quindi partendo da Varese dove nasce il partito che fu di Umberto Bossi, in Veneto e in Emilia, «con la logica di intervistare la base in una grande città, dove c’è una sede storica della Lega e in un paese o una realtà rurale limitrofa». Le domande che saranno rivolte ai militanti verteranno su cose concrete come: come sei entrato nella Lega, perché ci rimani, cosa ne pensi del leader, come funziona l’organizzazione, qual è il significato di partecipare ad un gazebo o di fare volantinaggio… «L’idea di base è che, a differenza di quello che si dice, chi è attivista nella Lega, o in un partito, è una persona normalissima. Questo per ridare dignità alla partecipazione ad un partito oggi, cosa che gli altri movimenti tendono invece a non favorire più, per diverse ragioni».

Tra queste c'è il rischio che nel partito ci siano “infiltrati”. «La Lega ha forse uno dei sistemi di partecipazione più sicuri e intelligenti perché prevede due livelli di membership. E’ un modello molto efficiente perché per entrare in Lega si comincia con l’essere soci sostenitori e dopo un anno e tre mesi si può fare domanda di militanza, che deve essere approvata a livello provinciale poi nazionale e poi federale». Il leghista vero viene valutato in base all’attivismo effettivo, rendendo tutto il sistema organizzativo del partivo davvero funzionale. E Bossi, che ha inventato questo meccanismo, pare sia considerato un genio nell’ambiente. 

Zulianello ha già incontrato alcuni esponenti della Lega di Varese, Emanuele Monti, Fabio Binelli e Roberto Maroni, e tornerà in città nei prossimi mesi per incontrare anche i militanti. Nel frattempo il 21 dicembre la Lega andrà a congresso e sarà curioso vedere come i militanti reagiranno ai cambiamenti che inevitabilmente verranno proposti, dal momento che sono cambiati gli obiettivi del partito. A cominciare dal nome che potrebbe per la prima volta fare riferimento al suo leader Matteo Salvini, «che in certi ambiti è più conosciuto del suo partito – analizza -, ma in un sistema come quello italiano, per cui non si vota direttamente il premier, ha poco senso». Per finire con lo statuto. «Toccare lo statuto dal punto di vista simbolico fa tanto – conclude - Apportare delle modifiche, che a prima vista paiono insignificanti, come cambiare nome alle Nazioni o ridefinire le Entità Regionali in Articolazioni Territoriali Regionali, può avere un grosso impatto sulla base».

Valentina Fumagalli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

SU