/ Sport

Sport | 22 novembre 2019, 15:21

VITTORIA! La Tre Valli resta tra le grandi, Renzo Oldani ha vinto la battaglia. «Non ci siamo mai sentiti soli»

L'unione ciclistica internazionale ha inserito la Tre Valli 2020 nel nuovo circuito delle grandi corse mondiali. Oldani: «Solo la guerra ci aveva fermato... non ci siamo mai scoraggiati e abbiamo lottato orgogliosamente»

Oldani stringe la mano a Roglic, vincitore della Tre Valli 2019: una coppia d'assi

Oldani stringe la mano a Roglic, vincitore della Tre Valli 2019: una coppia d'assi

Renzo Oldani ce l'ha fatta, l'edizione del centenario della Tre Valli è stata inserita nel calendario Uci Proseries, il nuovo circuito delle grandi corse mondiali. Dopo l'iniziale e ingiusta bocciatura, mesi di dura battaglia e di corsa in salita da parte di Renzo Oldani e della Binda hanno dato il risultato più bello e atteso da tutti gli innamorati di ciclismo e di un monumento della nostra terra: la Tre Valli è dove merita, tra le corse più grandi e belle del mondo. Le dimostrazioni di affetto e la mobilitazione totale del territorio, mai così evidente e mai così meritata da parte di un uomo come Oldani e di tutti coloro che lavorano con lui, hanno spinto il gruppo della Binda a tagliare il traguardo più atteso e importante.

La splendida notizia è arrivata da Cracovia, dove è in corso la riunione dell’Associazione Internazionale degli Organizzatori di Corse Ciclistiche. Il presidente dell’UCI David Lappartient, insieme a Tomme Van Damme - presidente UCI della commissione strada - e Matthew Knight (responsabile UCI delle gare su strada), ha comunicato stamattina a Renzo Oldani, presidente della Società Ciclistica Alfredo Binda, una promozione - o se vogliamo una conferma - mai così meritata. 

«La Tre Valli prende semplicemente il posto che le spetta – afferma Oldani - Per noi, la notizia della sospensione dal Proseries il giorno dopo l’edizione numero 99 (la Tre Valli era già stata ammessa nel nuovo circuito UCI) ha rappresentato una vera doccia fredda.

Sapevamo che si trattava di un equivoco e ci siamo battuti a livello internazionale per far valere le nostre ragioni. Non posso negare che è stato un mese molto duro per tutti noi: del resto, sinora solo la Seconda Guerra Mondiale aveva fermato la Tre Valli.

Non ci siamo lasciati scoraggiare e abbiamo lottato orgogliosamente per preservare uno spaccato di storia del ciclismo internazionale, una perla rara per il nostro territorio, una vetrina impareggiabile per la nostra regione e per la nostra provincia, per la nostra Varese e anche per Saronno città di partenza.

Abbiamo dimostrato con i fatti che la nostra organizzazione tecnica è ben al di sopra degli standard richiesti dal protocollo UCI: così, i commissari internazionali, dopo un’attenta analisi, hanno convenuto l’alta qualità organizzativa della nostra Tre Valli Varesine (Cette réunion nous a permis de comprendre les efforts que votre organisation a déployés au fil des années afin d’organiser une épreuve internationale de haute qualité – Cit. UCI)».

“In questo momento difficile, però, non ci siamo mai sentiti soliprosegue Oldani -  le Istituzioni, le associazioni, le aziende che credono in noi, i cittadini di Varese, gli appassionati di ciclismo di tutto il mondo e la Federazione Ciclistica Italiana con il suo presidente Renato Di Rocco ci hanno dato la forza per affermare con orgoglio le nostre ragioni. In questo ultimo mese siamo stati a Roma, a Parigi, ad Aigle in Svizzera, oggi a Cracovia in Polonia per affermare che la Tre Valli Varesine non si tocca!

Ora ripartiamo più forti di prima, concentrati e determinati nel migliorare ulteriormente, per celebrare i 100 anni della Tre Valli Varesine come questa gara si merita e, ve lo assicuro, abbiamo già grandi progetti da realizzare tutti insieme. Ad esempio, il sindaco di Varese Davide Galimberti ha già proposto di creare un Comitato Organizzatore per gli eventi in occasione del centenario della nostra corsa».

Infine, Christian Prudhomme, presidente del Tour de France e dell’AIOCC, ha già confermato la sua presenza a Varese il prossimo 6 ottobre per dare ufficialmente il via alla 100° edizione della Tre Valli Varesine. Per la Binda un grandissimo onore, che valorizzerà ulteriormente una ricorrenza tanto significativa.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore