/ Varese

Varese | 30 ottobre 2019, 12:58

Tre anni senza Andrea Badoglio. «Le tue telefonate, la tua camminata, la tua risata, la tua lotta alle ingiustizie: caro Bado, il tuo esempio vive»

I ricordi di Cristina Passera e Luigi Manco nel terzo anniversario della scomparsa di un gigante buono impossibile da dimenticare. «A volte quando abbiamo un dubbio diciamo ancora oggi: "Aspetta che chiediamo ad Andrea"»

Tre anni senza Andrea Badoglio. «Le tue telefonate, la tua camminata, la tua risata, la tua lotta alle ingiustizie: caro Bado, il tuo esempio vive»

La cosa più bella che vorrebbe sentirsi dire Andrea Badoglio, nel terzo anniversario della sua scomparsa, arriva dal cuore di Luigi Manco: «Ha fatto entrare in contatto tantissime persone che sono ancora assieme». Potenza di uno spirito contagioso che, invece di disperdersi con il tempo, s'ingrossa e si radica, unisce come se Andrea non fosse mai mancato e fosse, oggi più che mai, ancora qui.

«A volte io e tanti amici della Varese Nascosta, quando abbiamo un dubbio, diciamo: "Aspetta che chiediamo ad Andrea"» dice ancora Luigi con una frase che raduna un altro lascito di cui pochi sono capaci. «La cosa strana è che io non ho l'esigenza di andare a lasciargli un fiore, anche se lo farò, perché è come se Andrea non fosse mai andato via».

«Passa il tempo, ma al mattino il telefono lo guardo ancora - ricorda Cristina Passera rivolgendosi all'amico Andrea con alcune parole che mettono i brividi - Le tue telefonate mattutine, la tua camminata, la tua risata, la tua voce.
Anche quando ti arrabbiavi per le ingiustizie o perché non venivi ascoltato, lottavi e non mollavi. Sei presente ancora».

Per Cristina e per tanti come lei, Andre era "Bado". «Quando vengo a trovarti - aggiunge lei, parlando al suo e al nostro Bado - mi piace pensare che tu mi stia ad ascoltare, anche se la mia voce finisce nel silenzio. Allora guardo il cielo e dico: amico caro, ovunque tu sia, ti voglio bene».
  
A volte si dice che andandosene all'improvviso, così in fretta, si rimane ancora di più nel cuore di chi ci ha voluto bene, e magari anche di chi ce ne ha voluto meno. Nel caso di Andrea questo non è vero: chi gli vuole bene ora, gliene voleva allo stesso modo anche prima perché era impossibile non volergliene. Nel cuore di chi, come Manco, di fronte a un'assenza mai così presente, è ancora capace di affrontare le persone, le giornate e la vita dicendo «non era questo che avrebbe voluto Andrea». C'è qualcosa di più bello, Bado?  

Andrea Confalonieri

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore