/ Speciale Coronavirus

Che tempo fa

Cerca nel web

| 26 marzo 2020, 19:32

VIDEO. Brividi e commozione davanti alla Croce Rossa di Busto: sirene, applausi e inno d'Italia

In questo video un altro gesto struggente e magnifico: Polizia di Stato, Polizia Locale, Guardia di Finanza e Protezione Civile si schierano davanti alla Croce Rossa di Busto Arsizio con i lampeggianti accesi e le sirene spiegate, ascoltano l'inno d'Italia e poi applaudono. I carabinieri avevano fatto lo stesso in mattinata all'ingresso dell'ospedale

VIDEO. Brividi e commozione davanti alla Croce Rossa di Busto: sirene, applausi e inno d'Italia

Le sirene nell’aria gridano grazie. E la paura, l’ansia si sciolgono facendo battere forte il cuore ai bustocchi.

Un giorno speciale, quello in cui tutte le forze dell’ordine e i soccorritori a Busto Arsizio hanno voluto unire mezzi, suoni e voci davanti alla loro gente. Stamattina l'Arma dei Carabinieri all’ospedale (leggi e guarda QUI), con l’omaggio a medici, infermieri e a tutti gli operatori che instancabilmente si prodigano per i malati di Coronavirus.

Nel pomeriggio Polizia di Stato, Polizia Locale, Guardia di Finanza e Protezione Civile hanno portato il loro “grazie” davanti alla sede della Croce Rossa attraverso i lampeggianti accessi, le sirene spiegate, l’inno di Mameli ascoltato in silenzio prima di in un applauso delicato. Un altro spettacolo dolcissimo nel suo rigore, spontaneo e ordinato: il flusso delle auto e delle moto delle forze dell’ordine si posa come in un puzzle perfetto. Un puzzle in cui non manca neanche un tassello, anzi i pezzi sono tutti idealmente abbracciati, stretti insieme come non possiamo fare in questo periodo.

Lo spettacolo conquista anche i social e corre pure lì, suscitando altra emozione.

Siamo una cosa sola oggi, lo siamo sempre forse, anche quando ci scanniamo proprio nella rete e non solo. Siamo tutti in preda a una gioia che pur non possiamo gridare forte, per rispetto verso chi soffre, anche vicino a noi, e per quella paura che vibra di fronte ai dati, in realtà persone, storie.

Ma l’hanno gridato loro, gli uomini e le donne in prima linea per noi ogni giorno. L’hanno fatto per pochi minuti, che valgono per sempre. Prima di tornare  silenziosi a prendersi cura di noi.


Marilena Lualdi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore