/ Busto

Che tempo fa

Cerca nel web

Busto | 22 marzo 2020, 12:53

Ginetto Grilli, 94 anni: «Fai pure il furbone ed esci senza ragione? Tanto c'è sempre un dottore disposto a morire per te... Sta in cà»

Scrittore e cittadino benemerito di Busto Arsizio, Ginetto Grilli a 94 anni si mette al computer e redarguisce gli irriducibili a modo suo, con questi versi (comprensibilissimi) in dialetto

Ginetto Grilli alla cerimonia della civica benemerenza: a sinistra il dottor Umberto Rosanna suo amico e collega musicale, a destra il sindaco Emanuele Antonelli

Ginetto Grilli alla cerimonia della civica benemerenza: a sinistra il dottor Umberto Rosanna suo amico e collega musicale, a destra il sindaco Emanuele Antonelli

State a casa, tre parole incomprensibili per troppe persone ancora. 

Allora si mette al computer Ginetto Grilli, scrittore e cittadino benemerito di Busto Arsizio, che redarguisce gli irriducibili a modo suo. A 94 anni parla con l’autorevolezza di chi ha visto e vissuto tanto, senza mai scoraggiarsi ma rispettando le regole della civile convivenza e amando la sua comunità. Figurarsi ora che le regole sono vitali.

Non solo si può morire, si rischia di uccidere gli altri, dottori e infermieri in testa. Può suonare brutale, ma è così: la realtà è brutale, a causa nostra.

Lo volete ascoltare o no? Ginetto vi sgrida da saggio. Altrimenti non c’è proprio speranza, siete come l’unica parola che ci asterremmo dal tradurvi dal dialetto, ma si capisce benissimo.

Intanto... sta in cà.


E va bene, fai pure lo zoccone,

fai il furbone e lo scroccone,

esci pure senza ragione…

Tanto c’è sempre un dottore disposto a morire anche per te

cittadino scriteriato.
 

Par piasé scùltami men

che mumenti a gh’ho cent’an:

“Parché te ör maassi

e magari muì da quaión?

Sta in cá e möassi non!”

 
Ginetto Grilli

22 marzo 2020 Annus terribilis          

Marilena Lualdi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore