/ Territorio

Che tempo fa

Cerca nel web

Territorio | 24 febbraio 2020, 22:01

Coronavirus, l'appello dei sindaci del Varesotto ai loro concittadini: «Niente allarmismi, attenzione alle fake news e pensare ai più deboli»

Oltre ad applicare le disposizioni contenute nell'ordinanza regionale per contenere il contagio del virus, molti primi cittadini della provincia di Varese in queste ore hanno rivolto un messaggio via Facebook ai cittadini

Coronavirus, l'appello dei sindaci del Varesotto ai loro concittadini: «Niente allarmismi, attenzione alle fake news e pensare ai più deboli»

Tutti i Comuni della provincia di Varese si sono ovviamente adeguati all’ordinanza regionale finalizzata a contenere l’espandersi del Coronavirus sul territorio lombardo. Alcuni sindaci, attraverso i canali social, oltre a comunicare le disposizioni, hanno tenuto a rivolgere alcune riflessioni e anche appelli ai loro concittadini in merito alla vicenda creatasi.

«La situazione riguardo la potenziale diffusione del Coronavirus va gestita con calma e lucidità – afferma il sindaco di Solbiate Arno Oreste Battiston invito a non diffondere notizie che non siano provenienti da fonti ufficiali: ci atterremo alle disposizioni degli enti superiori, senza assumere provvedimenti in autonomia che potrebbero solo creare confusione».

Stesso tenore l’appello del sindaco di Casciago Mirko Reto che proprio attraverso Facebook sta informando in tempo reale i cittadini sull’evolversi della situazione, invitando i casciaghesi «a non diffondere commenti o informazioni che possano creare il panico».

Alessandro Boriani, sindaco di Luvinate, che ha rinviato a data de destinarsi il consiglio comunale in programma nel tardo pomeriggio di oggi lunedì 24 febbraio, raccomanda i cittadini ad aderire al gruppo Whatsapp comunale per essere informati tempestivamente e ricorda la presenza h24 della protezione civile intercomunale sul territorio, disponibile per ogni segnalazione. «Certamente ci troviamo di fronte ad una sfida nuova e complessa che dovrà vedere, come d’abitudine, ancora più impegno, più serietà, più responsabilità da parte di tutti» commenta il sindaco di Luvinate.

A rivolgersi ai suoi concittadini è anche Cristian Robustellini, sindaco di Cadrezzate con Osmate. «Non lasciatevi andare al senso di allarmismo indiscriminato ma unicamente a quello di una sana prevenzione» osserva il primo cittadino che lascia anche il suo numero di cellulare a disposizione dei cittadini.

«La nostra vita deve continuare, senza patemi o panico, non ci troviamo di fronte ad una pandemia o carestia – afferma Dimitri Cassani, sindaco di Casorate Sempione – gli assalti ai supermercati sono ingiustificati, nessuno vuole e deve sottovalutare la gravità della situazione che va affrontata con buon senso, senza smettere di vivere, non siamo in zona rossa. Attenti alle fake news che girano sul web, verificatene sempre la fonte e l’attendibilità e nel dubbio rivolgetevi alle istituzioni».

A proposito di fake news, il sindaco di Cairate Paolo Mazzucchelli, ricorda che sarà sua premura «segnalare e denunciare per procurato allarme alla magistratura competente chiunque diffonda notizie false e prive evidenza scientifica».

Un invito a lasciar da parte le polemiche arriva dal sindaco di Germignaga Marco Fazio. «Tutte le istituzioni stanno cercando di muoversi al meglio delle loro possibilità – sottolinea il primo cittadino – occorre fidarsi delle istituzioni e delle ordinanze da loro emanate; l’obiettivo è limitare la diffusione di un virus che preoccupa per la sua novità e imprevedibilità. Come per la questione dei vaccini non pensiamo solo a noi, ma anche e soprattutto alle categorie più a rischio come anziani, malati e immunodepressi; viviamo queste misure pensando in primo luogo a loro».

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore