/ Busto

Che tempo fa

Cerca nel web

Busto | 18 febbraio 2020, 16:08

Busto Arsizio in lutto per la morte del professor Renato Bombelli

Il noto medico che ha dato lustro all'ospedale cittadino è scomparso all'età di 97 anni: traumatologo di fama internazionale, nato a Legnano, ha portato il nome del nosocomio di Busto in tutto il mondo grazie alle sue tecniche chirurgiche innovative

Busto Arsizio in lutto per la morte del professor Renato Bombelli

 Lutto negli Ospedali Asst Valle Olona; è morto ieri pomeriggio, 17 febbraio, il professor Renato Bombelli, ortopedico e traumatologo di fama internazionale, 97 anni, legnanese, che ha portato il nome dell’ospedale di Busto Arsizio in tutto il mondo grazie agli studi biomeccanici e alle tecniche chirurgiche innovative per la coxartrosi e altre patologie dell’anca.

La sua scuola è continuata nel solco dell'innovazione grazie al suo allievo, il dottor Marco Merlo, direttore dell’unità operativa di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale bustese.

«Il Professor Bombelli, primario dal 1960 al 1992 della Divisione di Ortopedia e Traumatologia dell’Ospedale di Busto Arsizio, è stato un pioniere della chirurgia dell’anca - ricorda il dottor Merlo -. Era conosciuto in tutto il mondo per l’intervento di osteotomia di valgo-estensione (resezione del femore e ri-orientamento della testa femorale) e per l’artroprotesi isoelastica (costituita da materiali con elasticità simile all’osso). Chirurghi dai cinque continenti, come testimonia il libro degli ospiti ancora conservato in sala operatoria, vennero a Busto per imparare le nuove tecniche, applicandole poi nei loro Paesi».

La Direzione Asst Valle Olona fa suo il ricordo e il dolore per la scomparsa di un medico che tanto ha dato al suo ospedale, esprimendo vicinanza affettuosa ai figli Paola, Vittorio e Marco.

I funerali saranno mercoledì 19 febbraio alle 14, nella chiesa di Santa Maria delle Grazie a Legnano.    

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore