/ Cronaca

Cronaca | 11 febbraio 2020, 13:04

Busto Arsizio: spaccio a scuola, nei guai uno studente del liceo artistico e i suoi fornitori

Gli investigatori del commissionato di Polizia di Busto Arsizio hanno individuato e denunciato per cessione illecita di sostanze stupefacenti uno studente che vendeva droga ad altri compagni negli intervalli tra le ore di lezione. Insieme a lui sono stati denunciati anche i suoi fornitori, padre e figlio residenti nel nord della provincia.

Busto Arsizio: spaccio a scuola, nei guai uno studente del liceo artistico e i suoi fornitori

Nell’ambito dei contatti instaurati con i dirigenti degli istituti scolastici della città, finalizzati a monitorare e prevenire fenomeni quali il “bullismo”, la diffusione di droghe o abusi di vario genere dei quali possono rimanere vittime gli studenti, gli investigatori del commissariato della Polizia di Stato di Busto Arsizio avevano captato segnali su una possibile attività di spaccio e consumo di marijuana che avrebbe coinvolto frequentatori del Liceo Artistico “Candiani”. 

Individuato il possibile fornitore, nei giorni scorsi i poliziotti lo hanno perquisito verificando che, come ammesso dallo stesso ragazzo, in casa teneva un quantitativo di marijuana che, benchè modesto, non consentiva di ritenerla destinata all’uso esclusivamente personale. In effetti, raggiunta l’abitazione del giovane, gli agenti hanno sequestrato circa 12 grammi di “erba” e acquisito elementi che confermano l’ipotesi che la droga fosse venduta ad altri compagni all’interno o nelle vicinanze dell’istituto scolastico, anche negli intervalli tra le ore di lezione. 

Gli accertamenti dei poliziotti non si sono fermati, ma sono anzi proseguiti per individuare coloro che, a loro volta, rifornivano lo studente. E così gli agenti di via Foscolo hanno individuato una coppia, padre e figlio residenti in un comune nel nord della provincia, che inequivocabilmente avevano consegnato al minorenne, in diverse occasioni e per decine di grammi alla volta, la marijuana che veniva poi spacciata.

Nei giorni scorsi i Poliziotti si sono presentati, con un Decreto di perquisizione della Procura della Repubblica, a casa dei fornitori dove hanno trovato altri 25 grammi di “maria” e un bilancino di precisione. Per tutti e tre è scattata la denuncia per cessione illecita di sostanza stupefacente

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore